Ucraina. L’UE “condanna fermamente” le elezioni “farsa” tenutesi nelle zone annesse alla Russia

AgenPress – L’Unione europea ha condannato “fortemente” le elezioni “illegittime” tenutesi lo scorso fine settimana nelle zone annesse alla Russia dell’Ucraina, aggiungendo che non ne riconoscerà i risultati.

“Queste cosiddette ‘elezioni’ illegali in Ucraina si sono svolte in un contesto di concessione forzata e illegale di passaporti da parte della Russia, anche a bambini, trasferimenti e deportazioni forzate, violazioni e abusi diffusi e sistematici dei diritti umani, nonché intimidazioni e crescente repressione dei cittadini ucraini dalla Russia e dalle sue autorità illegittimamente nominate nei territori temporaneamente occupati dell’Ucraina”, ha detto lunedì in un comunicato stampa il massimo diplomatico dell’UE, Josep Borrell.

Borrell ha esortato la Russia a “ritirare immediatamente, completamente e incondizionatamente tutte le sue truppe e il suo equipaggiamento militare dall’intero territorio dell’Ucraina entro i suoi confini riconosciuti a livello internazionale”.

La Russia ha organizzato elezioni regionali e locali dall’8 al 10 settembre nelle parti meridionali e orientali dell’Ucraina che ha illegalmente annesso.

Le elezioni hanno rappresentato un altro tentativo da parte di Mosca di imporre una narrazione di legittimità russa nelle parti dell’Ucraina che detiene – aree delle regioni di Donetsk, Zaporizhzhia, Kherson e Luhansk – anche se la controffensiva di Kiev fa qualche progresso verso la liberazione delle città del sud. La comunità internazionale ha ampiamente liquidato le elezioni come una farsa.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie