Ucraina. Edwards (Onu), l’aggressione russa “è sinonimo di tortura e crudeltà disumane contro civili e prigionieri”

AgenPress – L’aggressione armata della Russia “sta diventando sinonimo di tortura e altre crudeltà disumane. Il volume di accuse credibili di tortura e altri atti disumani perpetrati contro civili e prigionieri di guerra da parte delle autorità russe sembra non diminuire”.

Lo ha detto domenica la relatrice speciale delle Nazioni Unite Alice Jill Edwards al termine della sua visita a Kiev.

“Questi atti gravi non sembrano né casuali né accidentali, ma piuttosto orchestrati come parte di una politica statale per intimidire, instillare paura, punire o estorcere informazioni e confessioni”.

Edwards ha detto di aver raccolto “testimonianze strazianti riguardanti l’applicazione di cariche elettriche alle orecchie e ai genitali, percosse di ogni tipo, finte esecuzioni sotto la minaccia delle armi, annegamento simulato, obbligo di mantenere posizioni stressanti, minacce di stupro o di morte e varie cerimonie di scherno e di scherno”. umiliazione.”

“I civili e i soldati ucraini rimpatriati hanno raccontato di essere stati stipati in scantinati e celle, in condizioni congestionate e scarsamente nutriti. Molti hanno perso livelli di peso pericolosi”.

Edwards ha anche visitato i luoghi in Ucraina dove sono detenuti i prigionieri di guerra russi.

“Ho scoperto che le autorità ucraine hanno compiuto sforzi sinceri per trattare rispettosamente i prigionieri di guerra russi. Le strutture in stile baracca che ho visitato erano igieniche e ordinate. I prigionieri venivano ben nutriti”.

I commenti di Edwards sono arrivati ​​pochi giorni dopo che il procuratore generale ucraino Andrii Kostin aveva affermato che circa il 90% dei prigionieri di guerra ucraini erano stati sottoposti a tortura, stupro e altre forme di trattamento crudele.

L’Ucraina ha trovato “prove di questi orrori in tutti i territori liberati”, ha detto Kostin, durante un incontro con Edwards la scorsa settimana.

Secondo i dati del governo ucraino, finora sono stati registrati oltre 103.000 procedimenti per crimini di guerra.

“Il lavoro che le autorità ucraine stanno svolgendo per documentare i crimini di guerra è tanto più impressionante perché viene svolto ‘in tempo reale’. Questa azione tempestiva è praticamente senza precedenti in qualsiasi parte del mondo”, ha aggiunto al termine della sua visita in Ucraina.

Tuttavia, Edwards ha avvertito che ci sono grossi ostacoli per assicurare i presunti autori alla giustizia. L’inaccessibilità delle aree attualmente occupate, la perdita di prove cruciali a causa del deterioramento e del lasso di tempo che intercorre tra il crimine e la liberazione, quando possono iniziare le indagini, e l’adattamento del sistema di giustizia penale per essere in grado di processare e perseguire i crimini di atrocità internazionali, porranno tutti sfide ai pubblici ministeri ucraini.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie