La Cina intensifica l’attività di navi da guerra e aerei da combattimento intorno a Taiwan

AgenPress – La Cina ha inviato un gruppo d’attacco di portaerei e dozzine di aerei da guerra nella regione attorno a Taiwan in una delle sue più grandi operazioni degli ultimi mesi. L’attività avviene mentre Pechino accusa gli Stati Uniti e il Canada di “incitamento al conflitto” navigando attraverso lo Stretto di Taiwan, e mentre Xi Jinping chiede una prontezza militare “completa” al combattimento da parte dell’Esercito popolare di liberazione (PLA).

L’esercito della Repubblica di Cina , che usa il nome formale di Taiwan, lunedì ha detto che un gruppo d’attacco di una portaerei cinese ha attraversato 111 chilometri a sud-est dell’isola nel suo cammino verso il Pacifico occidentale per l’addestramento. Si dice che 11 aerei da guerra cinesi siano stati rilevati nella zona di identificazione della difesa aerea di Taiwan (ADIZ) dalle 5 del mattino. Si aggiungono ai 26 aerei e alle 13 navi rilevati intorno a Taiwan nelle 24 ore precedenti, uno dei totali giornalieri più grandi da luglio.

Il gruppo d’attacco del PLA era guidato dalla portaerei Shandong, ma non era chiaro a quali esercitazioni stesse prendendo parte.

Negli ultimi anni l’ELP ha notevolmente aumentato gli attacchi militari contro Taiwan, che il Partito comunista cinese considera una provincia della Cina e minaccia di “riunificare” con la forza. Il governo e il popolo di Taiwan respingono in maniera schiacciante la prospettiva del dominio cinese. Aerei da guerra e navi dell’EPL sono stati inviati nell’ADIZ quasi quotidianamente, anche se le ultime settimane sono state più tranquille con diversi tifoni attivi che hanno attraversato la regione.

La rinnovata attività del PLA ha fatto immediatamente seguito a un’operazione di libertà di navigazione (Fonop) da parte delle marine statunitense e canadese, che sabato hanno fatto navigare due navi da guerra attraverso lo stretto di Taiwan. I media statali cinesi hanno accusato i due di aver tentato di “sollevare la tensione e mostrare i muscoli militari alle porte della Cina”. Ha avvertito Washington che c’è “un limite alla pazienza di Pechino” e ha affermato che più frequentemente gli Stati Uniti e i suoi alleati navigano attraverso “le acque cinesi”, maggiore è la possibilità di un “conflitto frontale”.

Ciò avviene anche pochi giorni dopo che il leader cinese, Xi Jinping, ha ispezionato una base militare cinese nel nord-est e ha chiesto miglioramenti “globali” nella prontezza al combattimento. I media statali hanno affermato che Xi “ha sollecitato sforzi per migliorare il livello di preparazione al combattimento, rafforzare l’addestramento di argomenti chiave e difficili e costruire nuove capacità di combattimento”.

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie