Marocco. Tante le vittime nell’epicentro del terremoto. Danni a Marrakesh, patrimonio dell’Umanità

AgenPress – L’epicentro del terremoto è stato nelle montagne dell’Alto Atlante, 71 km (44 miglia) a sud-ovest di Marrakesh, città dichiarata patrimonio dell’umanità e popolare tra i turisti.

Nella catena dell’Alto Atlante gli insediamenti sono remoti e i villaggi sono sparsi lungo strade tortuose. Il terremoto ha provocato frane sul terreno accidentato: i detriti stanno ora bloccando alcune parti delle strade.

Anche molte, molte case sono crollate. Non si conosce ancora del numero delle abitazioni danneggiate, ma i resoconti provenienti da comunità remote riflettono l’angoscia della gente del posto. Si pensa che molte persone siano ancora sepolte sotto gli edifici crollati.

Ma le scosse sono state avvertite anche nella capitale Rabat, a circa 350 chilometri di distanza, così come Casablanca, Agadir ed Essaouira.

Il ministero degli Interni afferma che la provincia di Al Haouz ha il numero di morti più alto, seguita dalla provincia di Taroudant. Ci sono molti meno morti a Marrakesh, anche se la città vecchia, protetta dall’UNESCO, ha subito notevoli danni.

La famosa piazza centrale di Marrakech, Jemaa el-Fna è tra i luoghi colpiti. Ci sono molte attrazioni turistiche, edifici storici e famosi caffè e ristoranti nei dintorni.

Si ritiene che molte semplici case in mattoni di fango, pietra e legno nei villaggi di montagna saranno crollate, ma ci vorrà del tempo per valutare l’entità della devastazione nelle aree remote.

Secondo gli ultimi dati ufficiali, il maggior numero di morti a causa del terremoto in Marocco è stato segnalato nella provincia di Al-Haouz, dove si trovava l’epicentro.

Finora sono stati segnalati quasi 1.300 decessi nella provincia, seguiti da oltre 450 nella provincia di Taroudant.

In totale, almeno 2.012 persone sono morte e 2.059 sono rimaste ferite nel terremoto, che ha spazzato via interi villaggi nelle zone rurali.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie