G20. Kiev critica la dichiarazione congiunta. Non è “la guerra in Ucraina”, ma “contro l’Ucraina”

AgenPress – Gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno elogiato la dichiarazione congiunta del G20. Il consigliere americano per la sicurezza nazionale Jake Sullivan ha definito la dichiarazione una “pietra miliare significativa” per un “voto di fiducia sulla capacità del G20 di riunirsi per affrontare una serie di questioni urgenti”.

E il primo ministro Sunak ha affermato che la dichiarazione congiunta ha un “linguaggio molto forte” sulla guerra in Ucraina. “Quello che vedrete nel comunicato è un linguaggio forte, che sottolinea l’impatto della guerra sui prezzi e sulla sicurezza alimentare”, ha detto Sunak.

Ma non è così che l’Ucraina vede la dichiarazione. Oleg Nikolenko, portavoce del Ministero degli Esteri, ha detto che il G20 “non ha nulla di cui essere orgoglioso”. Ha sottolineato in particolare la parte della dichiarazione che recita “la guerra in Ucraina” – Kiev preferisce chiamarla “la guerra contro l’Ucraina”.

E in un post su Facebook ha citato il linguaggio della dichiarazione.

È difficile per Kiev vedere l’assenza di qualsiasi riferimento all’ “aggressione” russa (inclusa nell’ultima dichiarazione concordata a novembre a Bali) come altro che un segno che i suoi sostenitori occidentali stanno perdendo la discussione con il “Sud del mondo” su come caratterizzano la guerra.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie