Marocco. Il terremoto provoca oltre 1300 morti, quasi 2mila feriti. Il Re Mohammed VI istituisce una commissione per i soccorsi

- Advertisement -spot_imgspot_img
- Advertisement -spot_imgspot_img

AgenPress – Almeno 1.305 persone sono state uccise nel terremoto di magnitudo 6,8 che ha colpito il Marocco, secondo l’emittente statale Al Aoula.

Il numero dei feriti è arrivato a 1.832, di cui 1.220 in condizioni critiche, secondo Al Aoula, che ha citato il ministero degli Interni.

Il re Mohammed VI  ha dato ordine di istituire una commissione per fornire soccorsi, presiedendo una riunione di lavoro in cui funzionari governativi gli hanno parlato dei danni e delle perdite di vite umane nelle province colpite dal terremoto, compresi i luoghi che non sono stati accessibili per ore.

Le misure di emergenza adottate finora includono l’intensificazione delle operazioni di ricerca e salvataggio; fornitura di acqua potabile; e distribuendo kit di cibo, tende e coperte, hanno detto i funzionari al re.

Il re ha inoltre impartito istruzioni per “istituire immediatamente una commissione interministeriale responsabile dell’implementazione di un programma di soccorso, riabilitazione di emergenza e assistenza nella ricostruzione delle abitazioni distrutte nelle aree disastrate, il più presto possibile”.

La Commissione avrà il compito di “prendersi cura delle persone in difficoltà, in particolare degli orfani e delle persone vulnerabili” e di fornire “assistenza immediata a tutte le persone che si ritrovano senza casa a causa del terremoto, in particolare in termini di alloggio, cibo e tutti gli altri bisogni primari”.

Il Marocco osserverà tre giorni di lutto in seguito al mortale terremoto che ha colpito il paese, ha detto sabato il Palazzo Reale. Le bandiere saranno esposte a mezz’asta su tutti gli edifici pubblici.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Potrebbe Interessarti

- Advertisement -spot_img

Ultime Notizie

- Advertisement -spot_img