Ucraina. Il fallimento di Putin nella guerra potrebbe trasformarsi in vittoria per Kim Jong Un

AgenPress – I fallimenti della Russia sul campo di battaglia in Ucraina potrebbero trasformarsi in una vittoria per la Corea del Nord .

Questo è il punto di vista degli analisti che affermano che un possibile incontro tra Kim Jong Un e Vladimir Putin potrebbe portare Pyongyang a mettere le mani sul tipo di armi che vent’anni di sanzioni delle Nazioni Unite le hanno impedito di accedere.

Lunedì, il Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti ha affermato che i negoziati sugli armamenti tra Russia e Corea del Nord stavano “avanzando attivamente”, dopo che il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha visitato Pyongyang a luglio nel tentativo di convincerla a vendere munizioni di artiglieria a Mosca.

Se dovesse concretizzarsi, un simile incontro avverrebbe dopo che più di un anno e mezzo di guerra in Ucraina ha lasciato l’esercito russo malconcio, impoverito e bisognoso di rifornimenti.

Arriverebbe anche dopo 17 anni di sanzioni delle Nazioni Unite volte a ostacolare la capacità della Corea del Nord di costruire armi nucleari e missili balistici pienamente funzionanti.

“Questo [incontro] rappresenterà uno sviluppo molto significativo se andrà avanti”, ha affermato Leif-Eric Easley, professore di studi internazionali alla Ewha Womans University di Seoul. “La Russia ha la tecnologia militare che Kim vuole per i suoi programmi di lancio illegale di satelliti e di consegna di armi nucleari”.
Nonostante le sanzioni dell’ONU, negli ultimi due anni Kim ha sviluppato a ritmo vertiginoso il suo programma di missili balistici. In quel periodo ha testato dozzine di missili, compresi quelli balistici intercontinentali (ICBM) che in teoria potrebbero lanciare una testata nucleare sul continente americano.
Se Kim riuscisse a mettere le mani sulla tecnologia della Russia, da decenni leader mondiale nelle forze missilistiche nucleari, ciò rappresenterebbe un grande impulso per i suoi programmi e una grande preoccupazione per i leader occidentali.

Qualsiasi accordo Pyongyang-Mosca potrebbe includere beni di cui la Russia ha in abbondanza ma che alla Corea del Nord mancano a causa dei lunghi anni di sanzioni, ha affermato Carl Schuster, ex direttore delle operazioni presso il Joint Intelligence Center del Comando del Pacifico degli Stati Uniti.

“La Corea del Nord ha bisogno di contanti, ha bisogno di cibo, ha bisogno di energia”, ha detto Schuster.

Daniel Salisbury, ricercatore in visita al King’s College di Londra, ha affermato che se la Russia iniziasse ad acquistare armi nordcoreane – violando così le sanzioni delle Nazioni Unite che Mosca stessa ha contribuito a far approvare – altri paesi che una volta avevano importato attrezzature militari da Pyongyang, come l’Iran , potrebbe seguire l’esempio.

Gli acquisti della Russia mineranno il regime delle sanzioni della Corea del Nord e contribuiranno a generare entrate per il regime di Kim. Potrebbe anche stimolare una più ampia rinascita per l’impresa di esportazione di armi della Corea del Nord”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie