Cina. Proposta di legge che vieta i vestiti che minano lo spirito o feriscono i sentimenti della nazione

- Advertisement -spot_imgspot_img
- Advertisement -spot_imgspot_img

AgenPress – Se la legge entrasse in vigore, le persone ritenute “colpevoli” potrebbero essere multate o incarcerate, ma la proposta non specifica ancora cosa costituisce una violazione.

Gli utenti dei social media e gli esperti legali hanno chiesto maggiore chiarezza per evitare un’applicazione eccessiva della normativa.

La Cina ha recentemente pubblicato una serie di proposte di modifica alle leggi sulla pubblica sicurezza: le prime riforme da decenni.

La legge sull’abbigliamento ha suscitato una reazione immediata da parte del pubblico, con molti online che la criticano come eccessiva e assurda.

Le clausole controverse suggeriscono che le persone che indossano o costringono altri a indossare abiti e simboli che “minano lo spirito o feriscono i sentimenti della nazione cinese” potrebbero essere detenute fino a 15 giorni e multate fino a 5.000 yuan (680 dollari; 550 sterline). .

Anche coloro che creano o diffondono articoli o discorsi che lo fanno potrebbero subire la stessa punizione.

Le modifiche legali proposte vietano anche “insulti, calunnie o violazioni in altro modo dei nomi di eroi e martiri locali”, nonché atti vandalici contro le loro statue commemorative.

Online, le persone si chiedono come le forze dell’ordine possano determinare unilateralmente quando i “sentimenti” della nazione sono “feriti”.

“Indossare giacca e cravatta conterà? Il marxismo è nato in Occidente. La sua presenza in Cina varrebbe anche come danno ai sentimenti nazionali”, ha scritto un utente sulla piattaforma cinese Weibo, simile a Twitter.

Anche gli esperti legali del paese hanno criticato la formulazione vaga della legge, affermando che potrebbe essere soggetta ad abusi.

Zhao Hong, professore di diritto presso l’Università cinese di scienze politiche e diritto, ha affermato che la mancanza di chiarezza potrebbe portare a una violazione dei diritti personali.

“E se le forze dell’ordine, di solito un agente di polizia, avessero un’interpretazione personale del danno e avviassero un giudizio morale sugli altri oltre l’ambito della legge”.

Ha citato un caso che ha fatto notizia in Cina l’anno scorso in cui una donna vestita di kimono è stata detenuta nella città di Suzhou e accusata di “attaccare liti e provocare problemi” perché aveva indossato l’abito giapponese. L’incidente ha suscitato indignazione sui social media cinesi.

Ci sono stati altri esempi di repressione. Nel marzo di quest’anno, la polizia ha arrestato una donna che indossava una replica di un’uniforme militare giapponese in un mercato notturno.

E all’inizio del mese scorso, alle persone che indossavano abiti con stampe arcobaleno è stato negato l’ingresso a un concerto del cantante taiwanese Chang Hui-mei a Pechino.

“Indossare un kimono significa ferire i sentimenti della nazione cinese, mangiare cibo giapponese significa mettere a repentaglio il suo spirito? Quando i sentimenti e lo spirito della nazione cinese collaudata dal tempo sono diventati così fragili?” ha scritto un popolare commentatore sociale online, che scrive sotto lo pseudonimo di Wang Wusi.

Il progetto di legge è solo un esempio di come il presidente cinese Xi Jinping abbia cercato di ridefinire ciò che rende un cittadino cinese modello da quando è salito alla leadership nel 2012.

Nel 2019, il suo Partito Comunista Cinese ha emesso “linee guida morali” che includono direttive come essere educati, viaggiare con un’impronta di carbonio inferiore e avere “fiducia” nel signor Xi e nel partito.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Potrebbe Interessarti

- Advertisement -spot_img

Ultime Notizie

- Advertisement -spot_img