Afghanistan. 20 mln di persone soffrono la fame. Collasso economia dopo il ritiro degli Stati Uniti nel 2021

AgenPress – Un articolo scritto da Abdulkader Sinno e  pubblicato su devpolicy.org è stato ripubblicato dall’Università Nazionale Australiana, afferma che quasi 20 milioni di persone soffrono la fame in Afghanistan e che l’impasse tra il mondo e Kabul deve essere superata.

Secondo il rapporto è possibile che nel prossimo inverno un certo numero di cittadini afgani si troveranno ad affrontare la carestia. 

“Il collasso dell’economia dell’Afghanistan dopo il ritiro degli Stati Uniti nel 2021 ha portato all’attuale carenza di cibo. La carenza deriva in parte dalla fine del sostegno finanziario occidentale, dalla grave siccità e dall’aumento dei prezzi del grano a causa della guerra in Ucraina. Ma anche le politiche dannose perseguite dai talebani da un lato e dagli Stati Uniti e dai loro alleati europei dall’altro hanno avuto un ruolo importante,” si legge nel giornale.

Fahim è impegnato a lavorare in un angolo della città di Kabul. Ha detto che guadagna meno di 100 afgani al giorno e non si è preparato per l’inverno. 

“Quando arriverà l’inverno, i problemi aumenteranno e sarà necessario più aiuto, se gli aiuti non verranno forniti, i problemi aumenteranno”. 

Nel frattempo, l’Ufficio di coordinamento degli aiuti umanitari delle Nazioni Unite afferma di aver stanziato 125 milioni di dollari per i paesi che hanno bisogno di aiuto, di cui 20 milioni sono stati stanziati per l’Afghanistan. 

L’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari in Afghanistan ha dichiarato di aver stanziato 125 milioni di dollari per i paesi che hanno bisogno di aiuto, di cui 20 milioni sono stati stanziati per l’Afghanistan. 

“Ciò porta a 10 milioni il numero di persone tagliate fuori dal suo sostegno quest’anno nel paese a causa di una massiccia carenza di finanziamenti in futuro”, ha affermato Farhan Haq, vice portavoce del Segretario generale. 

Il Ministero dell’Economia ha affermato che l’imposizione di sanzioni negli ultimi due anni ha causato maggiori sfide economiche nel Paese. 

“Le restrizioni dovrebbero essere rimosse il prima possibile e l’aiuto al popolo afghano dovrebbe essere continuato con maggiore intensità in modo che i nostri cari connazionali non debbano affrontare problemi nella stagione invernale”, ha affermato Abdul Latif Nazari, vice del ministero dell’Economia. 

Questo mentre il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha affermato in un rapporto che cinquantasei programmi di aiuti umanitari in Afghanistan sono stati bloccati a causa dell’intervento dei “talebani”, questione sempre negata dall’Emirato islamico. 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie