Mosca. Con Putin è morta la diplomazia. Nel 2000 disse che era pronto a cooperare con la Nato, fino a aderire all’alleanza

AgenPress – Un tempo i diplomatici russi rappresentavano una parte fondamentale della strategia di politica estera del presidente Putin. Ma tutto è cambiato.

Negli anni precedenti l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte della Russia, i diplomatici hanno perso la loro autorità, il loro ruolo ridotto a echeggiare la retorica aggressiva del Cremlino.

Lo stesso Putin aveva dichiarato alla BBC nel 2000 che “la Russia è pronta a cooperare con la NATO… fino ad aderire all’alleanza. Non posso immaginare il mio Paese isolato dall’Europa”.

All’epoca, all’inizio della sua presidenza, Putin era ansioso di costruire legami con l’Occidente, ha detto un ex alto funzionario del Cremlino.

I diplomatici russi sono stati una parte fondamentale della squadra di Putin, aiutando a risolvere le controversie territoriali con Cina e Norvegia, conducendo colloqui su una cooperazione più profonda con i paesi europei e garantendo una transizione pacifica dopo una rivoluzione in Georgia.

Ma man mano che Putin è diventato più potente ed esperto, si è convinto sempre più di avere tutte le risposte e che i diplomatici non fossero necessari, afferma Alexander Gabuev, direttore del Carnegie Russia Eurasia Center, che vive in esilio a Berlino.

Il primo segnale dell’inizio di una nuova guerra fredda arrivò nel 2007 con un discorso tenuto da Putin alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, quando  ha accusato i paesi occidentali di tentare di costruire un mondo unipolare. I diplomatici russi hanno seguito il suo esempio. Un anno dopo, quando la Russia invase la Georgia.

Riguardo alla guerra scatenata in Ucraina, prima o poi il dialogo dovrà avvenire, afferma l’analista della RAND Samuel Charap. L’unica alternativa ai negoziati è la “vittoria assoluta”, ed è improbabile che né Kiev né Mosca possano ottenerla sul campo di battaglia.

Ma non si aspetta che i colloqui avvengano presto. “Putin è cambiato in modo piuttosto drammatico nel corso del suo mandato al potere. E francamente, non so se sarà disposto a impegnarsi.”

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie