Ucraina. Identificato un comandante russo accusato di aver commesso atrocità a Bucha. Si chiama Vadym Ovchinnikov

AgenPress – “Il Servizio di Sicurezza ha stabilito l’identità di un altro occupante russo coinvolto negli omicidi di massa di civili durante l’occupazione della regione di Kiev. L’autore del reato è il tenente Vadym Ovchinnikov, comandante del plotone di ricognizione della 37a brigata separata di fucili a motore della 36a armata di armi combinate del distretto militare orientale della Federazione Russa”.

 Vadym Ovchinnikov, il comandante di un gruppo di intelligence russo, che avrebbe ordinato l’uccisione di una famiglia ucraina durante l’occupazione della città di Bucha nel marzo del 2022, una città a nord-ovest di Kiev, è stata occupata dalle truppe russe poco dopo l’inizio dell’invasione dell’Ucraina nel mese di febbraio dello stesso anno. 

“Una famiglia ucraina era in macchina e stava cercando di lasciare Severynivka per Uman, nella regione di Cherkasy”, si legge nella nota, aggiungendo che “un uomo, sua moglie e la loro figlia di 15 anni sono stati uccisi sul posto” e solo la figlia più piccola, che aveva 9 anni, sopravvisse.

Secondo la procura generale ucraina, l’esercito russo ha commesso migliaia di crimini di guerra nel distretto di Bucha e centinaia di persone sono state uccise solo nella città di Bucha prima della sua liberazione nel marzo 2022.

Il Cremlino ha negato qualsiasi coinvolgimento nelle uccisioni di massa e ha ribadito le affermazioni infondate secondo cui le immagini dei corpi civili erano false.

La SBU sostiene che Ovchinnikov “ha preso parte direttamente alla cattura dei villaggi di Severynivka, Motyzhyn e Kopyliv del distretto di Bucha” e ha girato il territorio con veicoli blindati “per intimidire i residenti locali” accompagnato dai suoi subordinati.

La SBU sostiene che durante un raid all’inizio di marzo 2022, Ovchinnikov ordinò ai suoi subordinati di aprire il fuoco su due auto che trasportavano civili che si muovevano verso il veicolo da combattimento della fanteria russa.

Ovchinnikov e i suoi complici sono stati indagati per “violazione delle leggi e delle consuetudini di guerra, combinata con omicidio intenzionale, commesso da un gruppo di persone secondo una precedente cospirazione”, si legge nella dichiarazione.

La SBU non ha fornito alcuna informazione su dove si trovino i sospettati, sottolineando solo che “si stanno adottando misure globali per punire equamente i criminali di guerra russi, indipendentemente da dove si trovino”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie