Zimbabwe. Vittoria del Presidente uscente ma l’opposizione denuncia “una frode palese e gigantesca”

- Advertisement -spot_imgspot_img
- Advertisement -spot_imgspot_img

AgenPress. “Una frode palese e gigantesca”. Così Nelson Chamisa il leader dell’opposizione e principale sfidante al Presidente uscente Emmerson Mnangagwa ha definito l’esito delle elezioni del 23 agosto, che hanno visto la riconferma di Mnangagwa per un secondo mandato.

I risultati delle elezioni sono stati pubblicati nella tarda serata del 26 agosto ad appena 48 ore dopo la chiusura dei seggi nelle elezioni che si erano protratte fino al 2 agosto, quando i funzionari elettorali avevano programmato di annunciare i risultati cinque giorni dopo la fine del voto.

La celerità dell’annuncio ha portato l’opposizione a rifiutare l’esito della conta finale. “Rifiutiamo qualsiasi risultato raccolto frettolosamente senza un’adeguata verifica” afferma un portavoce del partito di Chamisa.

Secondo i risultati ufficiali Mnangagwa, ha ottenuto il 52,6% dei voti. Chamisa, il 44% dei consensi.

Il Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha dichiarato di essere preoccupato per “gli arresti di osservatori, le denunce di intimidazione da parte di elettori e le minacce di violenze” verificatasi prima, durante e dopo il voto.

Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha affermato che il suo Paese ha “preso atto delle dichiarazioni preliminari della Missione di osservatori dell’Unione africana e della Comunità di sviluppo sudafricana”, esortando tutte le parti in Zimbabwe a lavorare insieme.

Il capo della missione di osservatori dell’Unione Europea ha affermato che le elezioni in Zimbabwe si sono svolte in un “clima di paura”.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Potrebbe Interessarti

- Advertisement -spot_img

Ultime Notizie

- Advertisement -spot_img