Mosca. Putin fa uccidere tutti gli “avversari”. Dal veleno ai finti suicidi, fino alle uccisioni a colpi di arma da fuoco

AgenPress – I tentativi di uccidere chi va contro Putin vanno da quelli esotici – avvelenati bevendo tè arricchito con polonio o toccando un agente nervino mortale – a quelli più banali come essere colpiti da colpi di arma da fuoco a distanza ravvicinata. Alcuni muoiono lanciandosi da una finestra aperta.

Nel corso degli anni, critici politici del Cremlino, spie voltagabbana e giornalisti investigativi sono stati uccisi o aggrediti in vari modi.

Nessuno, tuttavia, risulta morto in un incidente aereo. Ma mercoledì, un aereo privato che trasportava un capo mercenario che aveva organizzato una breve ribellione in Russia è precipitato in un campo da decine di migliaia di piedi dopo essersi spezzato.

I tentativi di assassinio contro i nemici del presidente Vladimir Putin sono stati comuni durante il suo quasi quarto di secolo al potere. Quelli vicini alle vittime e i pochi sopravvissuti hanno incolpato le autorità russe, ma il Cremlino ha regolarmente negato il coinvolgimento – come ha fatto venerdì dicendo che era “una completa bugia” e che aveva qualcosa a che fare con l’incidente dell’aereo.

Nell’agosto 2020, il leader dell’opposizione Alexei Navalny si è ammalato durante un volo dalla Siberia a Mosca. L’aereo è atterrato nella città di Omsk, dove Navalny è stato ricoverato in coma. Due giorni dopo fu trasportato in aereo a Berlino, dove si riprese.

I suoi alleati hanno detto quasi subito che era stato avvelenato, ma i funzionari russi lo hanno negato. Laboratori in Germania, Francia e Svezia hanno confermato che Navalny è stato avvelenato da un agente nervino dell’era sovietica noto come Novichok, che secondo lui era stato applicato sulla sua biancheria intima. Navalny è tornato in Russia ed è stato riconosciuto colpevole questo mese di estremismo e condannato a 19 anni di carcere, la sua terza condanna con una pena detentiva in due anni per accuse che, secondo lui, sono politicamente motivate.

Nel 2018, Pyotr Verzilov, uno dei fondatori del gruppo di protesta Pussy Riot, si è ammalato gravemente e fu trasportato in aereo a Berlino, dove i medici ritennero che l’avvelenamento fosse “altamente plausibile”. Alla fine si riprese. 

La figura di spicco dell’opposizione Vladimir Kara-Murza è sopravvissuto a  tentativi di avvelenamento nel 2015 e nel 2017. Quest’anno è stato riconosciuto colpevole di tradimento e condannato a 25 anni di prigione.

L’uccisione di un oppositore politico di più alto profilo negli ultimi anni è stata quella di Boris Nemcov . Un tempo vice primo ministro sotto Boris Eltsin, Nemtsov era un politico popolare e un duro critico di Putin. Nel mese di febbraio del 2015, è stato ucciso da alcuni aggressori su un ponte adiacente al Cremlino mentre passeggiava con la sua ragazza.

Numerosi giornalisti critici nei confronti delle autorità russe sono stati uccisi o hanno subito morti misteriose, di cui in alcuni casi i loro colleghi hanno attribuito la colpa a qualcuno nella gerarchia politica.

Anna Politkovskaya, la giornalista del quotidiano Novaya Gazeta sulla cui morte Litvinenko stava indagando, è stata uccisa a colpi di arma da fuoco nell’ascensore del suo condominio a Mosca il 7 ottobre 2006, il compleanno di Putin. Aveva ottenuto il plauso internazionale per i suoi reportage sugli abusi dei diritti umani in Cecenia.

Yuri Shchekochikhin, un altro giornalista della Novaya Gazeta, morì di una malattia improvvisa e violenta nel 2003. Shchekochikhin stava indagando su accordi commerciali corrotti e sul possibile ruolo dei servizi di sicurezza russi negli attentati del 1999 ai condomini attribuiti agli insorti ceceni.

L’incidente aereo di mercoledì che si presume abbia ucciso Yevgeny Prigozhin e i principali luogotenenti della sua compagnia militare privata Wagner è avvenuto due mesi esatti dopo il giorno in cui aveva lanciato una ribellione armata che Putin ha definito “una pugnalata alle spalle” e “tradimento”. Pur non essendo critico nei confronti di Putin, Prigozhin ha criticato la leadership militare russa e messo in dubbio le motivazioni che hanno portato alla guerra in Ucraina.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie