Johannesburg. Vertice Brics. Russia e Cina vogliono guadagnare più terreno politico ed economico nei paesi in via di sviluppo

AgenPress –  La Russia e la Cina cercheranno di guadagnare più terreno politico ed economico nel mondo in via di sviluppo in un vertice in Sudafrica questa settimana, ed avvicinare l’Arabia Saudita .

I leader del blocco economico BRICS di Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica terranno tre giorni di incontri nel distretto finanziario di Sandton a Johannesburg, con la presenza del premier cinese Xi Jinping a sottolineare la capitale diplomatica che il suo Paese ha investito nel blocco negli ultimi un decennio e un po’ come strada per le sue ambizioni.

 Vladimir Putin apparirà in un collegamento video dopo che il suo viaggio in Sud Africa è stato complicato da un mandato di arresto della Corte penale internazionale contro di lui per la guerra in Ucraina. Il presidente brasiliano Luiz Inácio Lula da Silva, il primo ministro indiano Narendra Modi e il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa saranno al vertice insieme a Xi.

Il vertice principale di mercoledì – e gli incontri collaterali di martedì e giovedì – dovrebbero produrre appelli generali per una maggiore cooperazione tra i paesi del Sud del mondo in mezzo al loro crescente malcontento per il presunto dominio occidentale delle istituzioni globali.

Leader o rappresentanti di dozzine di altri paesi in via di sviluppo parteciperanno agli incontri a margine nella città più ricca dell’Africa per dare a Xi e al ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, che rappresenterà Putin in Sudafrica, un pubblico considerevole.

Verrà discusso e possibilmente deciso un punto politico specifico con implicazioni più dirette: la proposta di espansione del blocco BRICS, che è stato formato nel 2009 dai paesi di mercato emergenti di Brasile, Russia, India e Cina, e ha aggiunto il Sudafrica l’anno successivo .

L’Arabia Saudita è uno degli oltre 20 paesi che hanno chiesto formalmente di entrare a far parte dei BRICS in un’altra possibile espansione, affermano i funzionari sudafricani. Qualsiasi mossa verso l’inclusione del secondo produttore mondiale di petrolio in un blocco economico con Russia e Cina attirerebbe chiaramente l’ attenzione degli Stati Uniti e dei suoi alleati in un clima geopolitico estremamente gelido, e in mezzo a una recente mossa di Pechino per esercitare un certo influenza nel Golfo Persico.

“Se l’Arabia Saudita dovesse entrare nei BRICS, ciò conferirebbe un’importanza straordinaria a questo raggruppamento”, ha affermato Talmiz Ahmad, ex ambasciatore dell’India in Arabia Saudita.

Anche un accordo sul principio dell’espansione dei BRICS, che comprende già una grossa fetta delle più grandi economie del mondo in via di sviluppo, è una vittoria morale per la visione russa e cinese del blocco come contrappeso al G-7, dicono gli analisti.

Entrambi sono favorevoli ad aggiungere più paesi per rafforzare una sorta di coalizione – anche se solo simbolica – in mezzo all’attrito economico della Cina con gli Stati Uniti . e la situazione di stallo simile alla Guerra Fredda della Russia con l’Occidente a causa della guerra in Ucraina.

Nazioni che vanno dall’Argentina all’Algeria, l’Egitto, l’Iran, l’Indonesia e gli Emirati Arabi Uniti hanno tutti chiesto formalmente di aderire insieme ai sauditi, e sono anche possibili nuovi membri.

Se ne viene introdotto un certo numero, “allora si finisce con un blocco economico più grande, e da ciò un senso di potere”, ha affermato il prof. Alexis Habiyaremye del College of Business and Economics dell’Università di Johannesburg.

Mentre Brasile, India e Sud Africa sono meno propensi all’espansione e vedono la loro influenza diluita in quello che attualmente è un esclusivo club mondiale in via di sviluppo, c’è slancio per questo. Tuttavia, nulla è stato deciso ei cinque paesi devono prima concordare i criteri che i nuovi membri devono soddisfare. Questo è all’ordine del giorno a Johannesburg tra la spinta di Pechino.

“L’espansione dei BRICS è diventata la questione di maggior tendenza al momento”, ha affermato Chen Xiaodong, ambasciatore della Cina in Sudafrica. “L’espansione è la chiave per migliorare la vitalità del meccanismo dei BRICS. Credo che il vertice di quest’anno sarà testimone di un nuovo e solido passo su questo fronte”.

Gli Stati Uniti hanno sottolineato i loro legami bilaterali con Sud Africa, Brasile e India nel tentativo di compensare qualsiasi influenza russa e cinese fuori misura proveniente dai BRICS. Nella preparazione del vertice, il Dipartimento di Stato ha affermato che gli Stati Uniti erano “profondamente impegnati con molti dei principali membri dell’associazione BRICS”.

Anche l’Unione europea seguirà da vicino gli avvenimenti di Johannesburg, ma concentrandosi quasi esclusivamente sulla guerra in Ucraina e sul continuo sforzo del blocco di ottenere una condanna unita per l’invasione della Russia dal mondo in via di sviluppo, che finora è ampiamente fallito.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie