Ucraina. L’Onu condanna l’attacco “atroce” al centro di Chernihiv. Mosca, colpito ritrovo militari ucraini

AgenPress – Il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite per l’Ucraina, Denise Brown, ha condannato un attacco missilistico russo nel centro della città ucraina settentrionale di Chernihiv. 

È “atroce attaccare la piazza principale di una grande città”, ha detto Brown.  L’attacco ha provocato diversi morti – tra cui una bambina di 6 anni – e almeno 90 feriti. 

“Sono estremamente turbato dalla notizia dell’ennesimo attacco russo che ha colpito poco fa il cuore di Chernihiv, nel nord dell’Ucraina, provocando decine di civili uccisi e feriti, compresi bambini”, ha detto Brown.

“È atroce attaccare la piazza principale di una grande città, al mattino, mentre la gente passeggia, alcuni vanno in chiesa per celebrare una giornata religiosa per molti ucraini”, ha aggiunto. Il sabato segna una festa importante nel calendario ortodosso, la festa della Trasfigurazione.

“Condanno questo schema ripetuto di attacchi russi su aree popolate dell’Ucraina, che causano morti, distruzioni massicce e crescenti esigenze umanitarie”, ha continuato. “Gli
attacchi diretti contro civili o oggetti civili sono severamente vietati dal diritto internazionale umanitario. Deve finire”.

Mosca replica che l’attacco a Chernihiv “ha colpito il luogo di ritrovo di specialisti militari sui droni da combattimento delle forze armate ucraine mascherato da festival. A Chernihiv è stato colpito il luogo di riunione del personale di comando delle Forze armate ucraine. Questo evento è stato effettuato nel rispetto delle misure di segretezza. Il colpo stesso è caduto su un oggetto utilizzato dal personale militare ucraino”.
Secondo Ria Novosti, “uno screenshot di una mailing list privata mostra i consigli per visitare il festival ‘Uccelli feroci’: “Vi invitiamo a venire all’evento in abiti civili per evitare di identificare l’evento come legato alla sfera militare”. L’invito “dice anche che l’evento è chiuso, contiene informazioni sensibili sulla capacità di difesa del Paese e che la maggior parte dei partecipanti sono militari attivi”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie