Colombia. Il presidente avrebbe ricevuto donazioni in denaro per la campagna elettorale provenienti dal narcotraffico

AgenPress – L’avvocato che rappresenta un uomo d’affari accusato di aver finanziato uccisioni da parte di squadroni della morte paramilitari ha ammesso che il suo cliente ha donato denaro alla campagna del primo presidente di sinistra della Colombia, Gustavo Petro .

Alfonso Hilsaca ha consapevolmente donato 400 milioni di pesos ($ 95.000) al figlio maggiore di Gustavo Petro come donazione per la campagna elettorale di suo padre.

Gabriel Hilsaca, figlio del controverso uomo d’affari Alfonso ‘El Turco’ Hilsaca, “non ha negato il suo contributo finanziario alla campagna di Petro Presidente attraverso suo figlio Nicolás, anche se è stato utilizzato per altri scopi. “

L’ammissione è l’ultimo sviluppo di uno scandalo che coinvolge presunte donazioni di narco-denaro nella campagna di Petro del 2022 che minaccia di far deragliare le speranze del presidente di portare riforme alla nazione andina e potrebbe portare all’incriminazione dell’ex guerrigliero.

“È una situazione molto grave che compromette questo governo e minaccia la sua stabilità”, ha affermato Jorge Restrepo, direttore del Centro risorse per l’analisi dei conflitti (Cerac) con sede a Bogotà. “Questo problema monopolizzerà l’attenzione del congresso e del pubblico. Ora l’ordine del giorno è completamente diverso”.

I pubblici ministeri hanno annunciato all’inizio di questo mese che Nicolás Petro, che era anche un parlamentare sulla costa caraibica, ha ammesso di aver ricevuto “ingenti somme” di denaro, alcune delle quali si sono fatte strada nella campagna di suo padre. Dice di avere registrazioni audio, messaggi di testo e documenti che confermano le affermazioni.

Il figlio del presidente si è dichiarato non colpevole, sebbene abbia accettato di assistere le autorità nelle loro indagini. I pubblici ministeri stanno verificando se i pagamenti siano stati effettuati da importanti trafficanti di droga.

Gli analisti affermano che l’indagine è la sfida più grande finora per l’amministrazione di sinistra, che è sempre più impopolare e fatica a realizzare il cambiamento radicale promesso.

L’indagine sulle accuse di denaro sporco è stata avviata dall’ex moglie di Nicolás Petro, Daysuris Vásquez. Dopo aver scoperto che suo marito l’aveva tradita con la sua migliore amica – dalla quale Petro ora aspetta un figlio – Vásquez ha detto ai media locali di aver sottratto più di 200.000 dollari di fondi destinati alla campagna di Gustavo Petro.

I pagamenti sarebbero stati effettuati dai trafficanti di droga in cambio della garanzia di gruppi armati la possibilità di negoziare accordi di pace con il governo, ma sono stati invece spesi in proprietà sontuose e auto nuove, ha detto Vásquez.

Gustavo Petro ha cercato di prendere le distanze dallo scandalo, dicendo ai media locali di non aver cresciuto il figlio maggiore, e ha accennato a cospirazione durante le manifestazioni. “Martelleranno questi errori per cercare di aprire la strada al crollo del primo governo popolare in Colombia “, ha detto ai sostenitori il 3 agosto. “Questo è un progetto di cambiamento e non ci piegheranno”.

Hilsaca è indagato per aver ordinato a Los Rastrojos, un gruppo paramilitare, di uccidere un membro smobilitato nel 2009. L’uomo d’affari, che in precedenza si guadagnava da vivere gestendo discoteche, ha finanziato campagne politiche sulla costa caraibica, presumibilmente in cambio di loschi appalti pubblici . Ha negato tutte le accuse di illecito.

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie