In Pakistan diverse chiese sono state bruciate

AgenPress. Le forze dell’ordine hanno transennato un insediamento cristiano nel Pakistan  dove una folla musulmana ha vandalizzato e incendiato diverse chiese e decine di case dopo che due uomini che vivevano lì sono stati accusati di profanare il Corano.

L’attacco è durato più di 10 ore senza alcun intervento da parte della polizia che era sul posto, hanno detto i residenti e i leader della comunità. La polizia ha negato l’accusa, affermando che le forze di sicurezza avevano evitato una situazione ancora peggiore.

I residenti hanno detto che migliaia di musulmani guidati da religiosi locali portavano spranghe di ferro, bastoni, coltelli e pugnali durante i disordini.

Oltre alle chiese almeno 50 case sono state completamente distrutte. Amnesty International ha invitato le autorità pakistane a garantire la protezione delle minoranze.

La polizia dichiara di aver arrestato oltre 100 persone sospettate di aver partecipato agli attacchi, aggiungendo che è stata ordinata un’inchiesta sull’incidente.

La blasfemia è punibile con la morte in Pakistan, molti accusati sono stati linciati da folle indignate. Un ex governatore provinciale e un ministro per le minoranze sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco per accuse di blasfemia.

Le associazioni per la difesa dei diritti delle minoranze affermano che le accuse di blasfemia sono talvolta utilizzate per regolare i conti. Centinaia di persone stanno languendo in prigione dopo essere state accusate del crimine perché i giudici spesso rimandano i processi, temendo ritorsioni se vengono visti come troppo indulgenti.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie