Cina. Il governo censura la pubblicazione dei dati sulla disoccupazione giovanile. Livello record, oltre il 20%

AgenPress – La Cina ha smesso di pubblicare i dati sulla disoccupazione giovanile, che sono stati visti da alcuni come un’indicazione chiave del rallentamento del paese. La decisione è dovuta ai cambiamenti nella seconda economia più grande del mondo e nella sua società. Lo ha detto un portavoce del governo.

A giugno, il tasso di disoccupazione cinese tra i 16 ei 24 anni nelle aree urbane ha raggiunto un livello record di oltre il 20% .

La banca centrale del paese ha anche tagliato il costo dei prestiti martedì nel tentativo di contribuire a stimolare la crescita.

I dati ufficiali pubblicati martedì hanno mostrato che il tasso di disoccupazione complessivo della Cina è salito al 5,3% a luglio.

Allo stesso tempo, il governo ha dichiarato che avrebbe temporaneamente sospeso la pubblicazione dei dati sulla disoccupazione giovanile, ma non ha fornito alcuna tempistica per la sospensione.

Un portavoce del National Bureau of Statistics ha affermato che il metodo di calcolo della disoccupazione tra i giovani deve essere riconsiderato.

“L’economia e la società sono in costante sviluppo e cambiamento. Il lavoro statistico ha bisogno di miglioramenti continui”, ha detto Fu Linghui in una conferenza stampa a Pechino.

Il signor Fu ha accennato al fatto che la crescita del numero di studenti tra i 16 ei 24 anni ha influito sui dati sulla disoccupazione, ma la Cina non ha mai considerato disoccupati coloro che studiano.

La Cina ha iniziato a pubblicare i dati sulla disoccupazione giovanile nel 2018. Tuttavia, attualmente non pubblica dati sullo stato occupazionale dei giovani nelle zone rurali.

La sospensione della pubblicazione dei dati sulla disoccupazione giovanile ha subito iniziato a fare tendenza sulla piattaforma di social media cinese Weibo.

Un utente ha detto: “Coprirsi la bocca e chiudere gli occhi, può davvero risolvere i problemi? Con il lavoro flessibile, il lavoro lento e il lavoro indipendente, lavorare solo un’ora significa non essere disoccupati. Non prendere le statistiche dal Ufficio di statistica sul serio.”

“Finché non lo annuncio, allora nessuno è disoccupato”, ha detto un altro post.

L’annuncio è arrivato mentre la ripresa economica post-pandemia del paese sta rallentando.

Nell’ultima mossa delle autorità per rilanciare la crescita, martedì la People’s Bank of China ha inaspettatamente tagliato i tassi di interesse chiave per la seconda volta in tre mesi.

La scorsa settimana, la Cina ha recentemente registrato un forte calo delle esportazioni mentre l’economia è scivolata nella deflazione dove i prezzi scendono .

“Esiste un rischio reale che l’economia scivoli in una recessione a meno che il sostegno politico non venga presto intensificato”, ha dichiarato Julian Evans-Pritchard di Capital Economics in una nota agli investitori.

Un altro problema che causa grandi preoccupazioni per l’economia cinese è il suo mercato immobiliare colpito dalla crisi.

Il più grande sviluppatore immobiliare privato della Cina, Country Garden, ha avvertito che potrebbe perdere fino a $ 7,6 miliardi (£ 6 miliardi) per i primi sei mesi dell’anno .

Il settore immobiliare cinese è stato scosso quando nel 2020 sono state introdotte nuove regole per controllare l’importo che i principali sviluppatori potevano prendere in prestito.

L’anno successivo, il gigante immobiliare cinese Evergrande è andato in default per i suoi enormi debiti e il mese scorso ha rivelato una perdita totale di 581,9 miliardi di yuan ($ 81,1 miliardi; £ 62 miliardi) negli ultimi due anni .

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie