Detenute morte, il garante di Torino Monica Gallo: “C’è stato un errore e nessuno ci ha avvisati, ma da tempo viviamo grosse difficoltà”

- Advertisement -spot_imgspot_img
- Advertisement -spot_imgspot_img

AgenPress. “C’è stato un difetto di comunicazione, nessuno ci ha avvisati, ma da tempo viviamo una grossa difficoltà, un forte disagio sociale. Sono anni che segnaliamo il problema a istituzioni che non collaborano tra loro”.

A dirlo Monica Gallo, garante dei detenuti di Torino, in un’intervista al quotidiano L’Identità.

“Se si pensa alla morte di questa donna, in astinenza di liquidi e solidi, di alimenti, nessuna istituzione esterna è stata informata della gravità della situazione. Probabilmente ciò non avrebbe cambiato il corso degli eventi, ma sarebbe stato opportuno provarci.

Laddove la persona detenuta non ha strumenti per arrivare al garante, talvolta sono proprio gli agenti a segnalare le persone da colloquiare. In questo caso, purtroppo, c’è stata una dimenticanza o non si è valutata questa possibilità”.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Potrebbe Interessarti

- Advertisement -spot_img

Ultime Notizie

- Advertisement -spot_img