Alexey Navalny: “L’élite corrotta della Russia ha messo al potere Putin”

AgenPress. Il leader dell’opposizione russa incarcerato Alexey Navalny ha preso di mira l’élite “corrotta” della Russia che ha messo al potere il presidente Vladimir Putin.

In quella che ha chiamato “La mia paura e il mio disgusto” – la sua prima lunga dichiarazione da quando è stato condannato per estremismo e condannato a 19 anni di carcere da un tribunale di Mosca la scorsa settimana – Navalny ha detto di odiare i funzionari russi egoisti, i cosiddetti ” riformatori” degli anni ’90 che si preoccupano solo della “propria ricchezza”.

“Ecco perché non posso farne a meno e odio ferocemente coloro che hanno venduto, bevuto e sprecato l’occasione storica che il nostro Paese ha avuto nei primi anni ’90”, ha detto Navalny.

“C’è qualche altro Paese in cui tanti ministri di governo di riforme sono diventati milionari e miliardari? Odio gli autori della più stupida costituzione autoritaria, che hanno venduto a noi idioti come democratici, dando già allora al presidente il potere di un monarca a tutti gli effetti”, ha aggiunto.

Navalny ha incolpato la leadership russa al potere dopo il crollo dell’Unione Sovietica per “non aver nemmeno tentato di fare evidenti riforme democratiche”.

Ha definito le elezioni in Russia nel 1996 “fraudolente” e “uno dei punti di svolta più drammatici nella storia moderna russa”. Ma ha detto che “la Russia avrà ancora una possibilità” di cambiare le cose in una direzione democratica. “Questo è un processo storico. 

Navalny è stato condannato la scorsa settimana a 19 anni di carcere con una serie di accuse di estremismo in quella che è stata ampiamente vista come una mossa politica da Mosca per metterlo a tacere.

Stava già scontando condanne per un totale di 11 anni e mezzo in una struttura di massima sicurezza per frode e altre accuse che, secondo lui, erano state inventate.

Prima della sua incarcerazione, è stato portato dalla Russia alla Germania nell’agosto 2020 per cure dopo essere stato avvelenato. Mosca ha negato il coinvolgimento nell’avvelenamento, con lo stesso Putin che ha affermato che se i servizi di sicurezza russi avessero voluto uccidere Navalny, avrebbero “finito” il lavoro.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie