Vertice Gedda. Peskov, senza la presenza della Russia i colloqui di pace non hanno alcun significato

AgenPress – Senza la partecipazione della Russia i colloqui di Gedda (in Arabia Saudita) sull’Ucraina non hanno alcun significato. Lo ha detto il rappresentante permanente della Federazione Russa presso le organizzazioni internazionali a Vienna, Mikhail Ulyanov. Lo riporta la Tass. “Questo incontro non ha avuto nulla a che fare con gli sforzi di pace. La Russia non è stata invitata”, ha spiegato Ulyanov. Secondo il diplomatico, un simile incontro non ha senso senza la partecipazione di Mosca. “Sfortunatamente, la vera politica nelle relazioni internazionali viene sostituita da attività di pubbliche relazioni e propaganda”.

Per il Cremlino non c’è alcun presupposto per la pace, l’operazione militare proseguirà nel prossimo futuro”. A parlare è Dmitry Peskov il giorno dopo il vertice di Gedda.

Le delegazioni di vari paesi e organizzazioni che hanno partecipato al  vertice di pace  concordato di continuare a lavorare insieme per “raggiungere una pace duratura nella regione”.

“I partecipanti hanno concordato sull’importanza di continuare le consultazioni internazionali e lo scambio di opinioni al fine di costruire un terreno comune che apra la strada alla pace. Hanno anche sottolineato l’importanza di beneficiare delle opinioni e dei suggerimenti positivi fatti durante questo incontro”, secondo una dichiarazione dell’agenzia di stampa saudita.

Nelle dichiarazioni di domenica, il capo dell’ufficio presidenziale ucraino ha definito i colloqui “produttivi” ed “estremamente onesti e aperti”, mentre il viceministro degli esteri russo ha liquidato i colloqui come “condannati” per impedire sviluppi significativi.

La mancanza di risoluzioni concrete annunciate dopo i colloqui  non è una sorpresa , poiché i funzionari avevano attenuato le aspettative.

Gli incontri, che non includevano rappresentanti della Russia, sono stati visti principalmente come un mezzo per delineare i quadri futuri. Sono stati anche visti come un luogo per ottenere potenzialmente il sostegno alle proposte di pace di Kiev al di là dei suoi principali sostenitori occidentali come gli Stati Uniti e il Regno Unito: gli incontri includevano rappresentanti dei paesi in via di sviluppo e delle potenze mondiali che hanno cercato di proiettare vari gradi di  neutralità  in il conflitto, come la Cina e l’India.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie