Ucraina. Via falce e martello dalla statua della Patria. Al loro posto il tridente. La condanna della Russia

AgenPress – Il ministero degli Esteri russo ha condannato la sostituzione del simbolo della “patria” su una famosa statua di epoca sovietica a Kiev.

Domenica scorsa, il governo ucraino ha sostituito il simbolo sovietico della falce e del martello con un tridente – lo stemma ucraino – sullo scudo del monumento che domina lo skyline della capitale.

“Crediamo che questo cambiamento sarà l’inizio di una nuova fase nella rinascita della nostra cultura e identità, il rifiuto definitivo dei simboli e delle narrazioni sovietiche e russe”, ha affermato il ministero della Cultura ucraino.

Il monumento, una statua d’acciaio alta 62 metri (200 piedi) di una donna guerriera, fu costruito nel 1981 in cima a una collina sulla riva destra del fiume Dnipro. Guardando severamente verso est, la figura tiene una spada nella mano destra e uno scudo nella sinistra.

In origine, lo scudo portava lo stemma dell’Unione Sovietica: una falce e un martello incrociati circondati da spighe di grano.

Alla fine di luglio, gli operai hanno rimosso parti dello stemma. Sabato hanno iniziato a installare un tridente sullo scudo, ma non sono stati in grado di completare i lavori a causa del maltempo e di un avviso di attacco aereo per la capitale.

La mossa ha le sue radici in un movimento per  eliminare i ricordi dell’ex Unione Sovietica – che l’Ucraina ha intensificato dopo l’invasione totale della Russia lo scorso anno.

Quel passaggio culturale verso un’identità ucraina più forte è stato accompagnato negli ultimi anni da un’inclinazione politica verso l’occidente che ha fatto infuriare Vladimir Putin e faceva parte della sua giustificazione per l’invasione.

Kiev afferma che l’invasione sembra essere una missione imperiale per ricreare l’Unione Sovietica.

Durante la rivoluzione di Maidan del 2014, i manifestanti hanno abbattuto le statue di Vladimir Lenin, rifiutando l’autoritarismo e il comunismo e chiedendo legami più stretti con l’UE.

L’Ucraina ha messo fuori legge i simboli sovietici nel 2015, l’anno dopo che la Russia ha annesso la Crimea e ha appoggiato i delegati separatisti nell’est del paese.

In tutta l’Ucraina, centinaia di statue di poeti russi e generali sovietici sono state abbattute o deturpate e i murales di propaganda e arte pubblica sono stati coperti o rimossi.

Migliaia di strade e dozzine di città e villaggi sono stati rinominati. Alle strade e alle piazze precedentemente intitolate a leader o generali del partito sovietico sono stati dati nomi associati alla storia nazionale, ucraini di spicco o amici del popolo ucraino come il defunto senatore americano John McCain.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie