La Russia rapisce di continuo bambini dall’Ucraina, li sottopone al lavaggio del cervello e li consegna alle famiglie russe

AgenPress – La Russia sta sistematicamente deportando i bambini ucraini dalla parte occupata dell’Ucraina contro la loro volontà, il che costituisce un genocidio secondo una delle cinque definizioni fornite nella Convenzione sul genocidio delle Nazioni Unite.

Una volta in Russia, i bambini ucraini vengono tenuti in isolamento, sottoposti al lavaggio del cervello con la propaganda filo-russa e adottati da famiglie russe, anche se hanno parenti in vita in Ucraina che sono i loro tutori legali.

Nessuno sa con certezza quanto sia grande questa “generazione rubata” di bambini ucraini. Le autorità ucraine hanno identificato quasi 20.000 bambini che sono stati rapiti dalla Russia dall’inizio della sua invasione e guerra su vasta scala, ma gli operatori dei diritti umani ritengono che il numero reale sia molto, molto più alto.

All’inizio del 2023, il numero più alto di bambini deportati proveniva dall’oblast di Donetsk.

Il 17 marzo, la Corte penale internazionale ha emesso mandati di arresto nei confronti di Maria Lvova-Belova, commissario russo per i diritti dell’infanzia, e del presidente russo Vladimir Putin, perché sospettati del loro coinvolgimento nell’organizzazione del rapimento di bambini ucraini.

Indagando su questi rapimenti, il Kyiv Independent ha parlato con più di 40 persone e ha scoperto che il processo di espulsione di bambini dalla città di Mariupol nella parte occupata dai russi dell’oblast di Donetsk ha coinvolto dipendenti di servizi sociali, strutture mediche, e centri sociali per bambini dalle parti dell’oblast inizialmente invase dalla Russia nel 2014.

I bambini sono stati deportati da Mariupol nei territori occupati in precedenza e poi trattenuti per qualche tempo in almeno nove ospedali a Donetsk, anche se erano illesi.

Successivamente, alcuni sono stati deportati in Russia con il pretesto di continuare la loro “ripresa” in Russia. In effetti, sono stati successivamente affidati alle cure di famiglie o orfanotrofi russi.

Le famiglie russe avrebbero cercato di convincere i bambini deportati che l’Ucraina era stata distrutta, avrebbero dato loro un’educazione militare-patriottica filo-russa e monitorato il loro comportamento.

Il Kyiv Independent ha anche scoperto che alcuni bambini sono stati deportati nei sobborghi di Mosca nella pensione Polyany, una filiale del Centro medico per bambini dell’amministrazione degli affari del presidente Vladimir Putin.

Il Kyiv Independent ha stabilito il luogo in cui si trovano alcuni di questi bambini e ha identificato alcuni dei responsabili del loro rapimento in Russia.

All’inizio del 2022, più di 60.000 bambini vivevano a Mariupol.

Dopo essere entrati in città nel marzo 2022, i militari russi e i delegati delle parti occupate dell’Ucraina hanno iniziato a organizzare la deportazione di bambini ucraini in Russia, giustificandola come un’operazione umanitaria.

 Soprattutto a Mariupol le possibilità dellr famiglie di partire  per il territorio controllato dall’Ucraina diminuivano. I corridoi umanitari che le autorità ucraine hanno cercato di negoziare con le autorità russe sono tutti falliti.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie