Corea del Sud. La difesa di un allevatore che uccide i cani per la loro carne. “Sono orgoglioso”

AgenPress –  I cani abbaiano e fissano mentre Kim Jong-kil si avvicina alle gabbie arrugginite che ospitano i grandi animali a pelo corto che vende per la loro carne. Kim apre una porta e accarezza il collo e il petto di un cane.

Kim dice di essere orgoglioso dell’allevamento di carne di cane che ha sostenuto la sua famiglia per 27 anni, ma è sconvolto dai crescenti tentativi da parte di politici e attivisti di mettere fuori legge l’attività, che sta affidando ai suoi figli.

“Non è solo sentirsi male. Mi oppongo assolutamente a queste mosse e mobiliteremo tutti i nostri mezzi per resistere”, ha detto Kim, 57 anni, in un’intervista nella sua fattoria nella città di Pyeongtaek, appena a sud di Seoul.

Il consumo di carne di cane è una pratica secolare nella penisola coreana ed è stato a lungo considerato una fonte di resistenza nelle calde giornate estive. Non è né esplicitamente vietato né legalizzato in Corea del Sud, ma sempre più persone vogliono che sia proibito. C’è una crescente consapevolezza pubblica dei diritti degli animali e preoccupazioni per l’immagine internazionale della Corea del Sud.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie