Mosca. Difensore civico. Oltre 700mila bambini sono stati portati in Russia da inizio guerra

AgenPress – “Dal febbraio 2022, la Federazione Russa ha accolto circa 4,8 milioni di residenti in Ucraina e nelle repubbliche del Donbass, di cui oltre 700.000 sono bambini”. Lo ha affermato in un rapporto Maria Lvova-Belova, difensore civico russo per i diritti dei bambini. Il rapporto afferma che la maggior parte di loro è arrivata “con i genitori o altri parenti”.

Lvova-Belova è una delle due russe contro le quali la Corte penale internazionale (ICC) dell’Aia ha emesso un mandato contro a marzo, adducendo la loro responsabilità per il crimine di guerra di deportazione illegale e trasferimento di bambini durante l’invasione russa dell’Ucraina. Il presidente russo Vladimir Putin è il secondo individuo accusato.

Secondo il documento, circa 1.500 studenti di istituti per orfani o persone rimaste senza cure parentali sono giunti in Russia e 288 bambini della regione occupata di Donetsk sono stati successivamente affidati a famiglie affidatarie di cittadini russi.

“I bambini della LPR [Repubblica popolare di Luhansk] sono tornati nelle loro istituzioni, ma successivamente 92 bambini rimasti senza cure parentali, su richiesta degli organismi autorizzati nel campo della tutela e della tutela della Repubblica, sono stati affidati a famiglie affidatarie russe”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie