Zelensky: la guerra sta gradualmente tornando nel territorio russo. L’aggressione è fallita sul campo di battaglia

AgenPress – La guerra sta “gradualmente tornando” nel territorio russo. L’aggressione russa è fallita sul campo di battaglia. Oggi è il 522esimo giorno della cosiddetta ‘operazione militare speciale’, che la leadership russa prevedeva durasse una settimana o due”.
Lo  ha detto  il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un discorso serale. “L’Ucraina si sta rafforzando. A poco a poco, la guerra sta tornando nel territorio della Russia, nei suoi centri simbolici e nelle sue basi militari, e questo è un processo inevitabile, naturale e assolutamente giusto”, ha aggiunto.
Abbiamo tenuto una riunione del Congresso dei poteri locali e regionali dell’Ucraina a Ivano-Frankivsk. Le nostre comunità, funzionari governativi, rappresentanti delle forze di difesa e di sicurezza. Partner dell’Ucraina che collaborano con il Congresso. Abbiamo avuto una conversazione molto istruttiva.

Zelensky ha avvertito, tuttavia, che la Russia può ancora attaccare le infrastrutture energetiche critiche dell’Ucraina quest’inverno, come ha fatto l’anno scorso con effetti devastanti . Il presidente ha detto che domenica ha incontrato i funzionari regionali per discutere i preparativi per possibili scenari.

Domenica, Zelensky ha anche incontrato combattenti feriti e squadre mediche durante un viaggio nella regione occidentale di Ivano-Frankivsk in Ucraina.

La Russia ha dichiarato di aver  abbattuto tre droni ucraini  che tentavano di attaccare Mosca domenica, il secondo attacco segnalato alla capitale del paese in una settimana.

Negli ultimi mesi, la Russia ha anche riferito che missili ucraini hanno raggiunto città a miglia dal confine e incursioni di combattenti russi anti-Cremlino allineati con Kiev.

L’aggressione russa è fallita sul campo di battaglia. Oggi è il 522esimo giorno della cosiddetta “operazione militare speciale”, che la leadership russa prevedeva di durare una o due settimane. L’Ucraina sta diventando più forte. A poco a poco, la guerra sta tornando nel territorio della Russia, nei suoi centri simbolici e basi militari, e questo è un processo inevitabile, naturale e assolutamente giusto.

Ma dobbiamo essere consapevoli che, proprio come l’anno scorso, i terroristi russi possono ancora attaccare il nostro settore energetico e le nostre strutture critiche quest’inverno. Oggi abbiamo discusso con le comunità lo stato attuale di preparazione per tutti i possibili scenari.

Abbiamo anche discusso la questione della ricostruzione urgente, compreso il settore energetico, e vari sistemi per garantire la vita nelle comunità. Odessa, le nostre regioni meridionali, Kharkiv, le regioni occidentali del nostro paese e le regioni di confine settentrionali. È molto importante che le autorità locali di tutto il paese siano il più attive possibile in questo momento – in estate ea settembre – in tutto ciò che deve essere fatto prima dei mesi freddi dell’anno.

Abbiamo discusso di questioni di bilancio. I funzionari governativi contribuiranno con sovvenzioni mirate dal bilancio statale, il cui importo è insufficiente. Molte altre questioni possono essere risolte dalle comunità a proprie spese e lavorando con risorse fuori budget.

Il coinvolgimento delle chiese qui nella regione di Ivano-Frankivsk nell’affrontare le questioni sociali è molto importante. Assistenza agli sfollati, alle famiglie dei soldati e al settore medico. Questo rende più solido il tessuto sociale ucraino.

Sono grato alle autorità locali di Prykarpattia e di altre regioni per aver sostenuto il lavoro delle imprese, comprese quelle delocalizzate. Ogni lavoro, ogni prodotto ucraino, e in particolare un prodotto per la difesa, è un passo avanti verso la nostra vittoria.

 

 

 

Le forze ucraine si stanno “gradualmente muovendo in avanti” intorno alla città martoriata di Bakhmut, rivendicando anche alcuni guadagni altrove sul fronte orientale, ha detto domenica un portavoce militare alla CNN.

Intorno a Bakhmut, l’esercito di Kiev è stato generalmente in grado di guadagnare centinaia di metri al giorno e catturare chilometri di territorio ogni settimana, secondo Serhii Cherevatyi, che rappresenta il raggruppamento militare orientale.

“Questa è una tattica di progresso lento ma costante. Ci rendiamo conto di avere forze e mezzi comparabili, e talvolta il nemico è più numeroso di noi”, ha detto Cherevatyi. “Usiamo la tattica della copertura, delle manovre, dell’imboscata e non degli attacchi frontali diretti. E così, stiamo gradualmente andando avanti”.

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie