Singapore. Giustiziata una donna per la prima volta dopo quasi 20 anni per traffico di droga

AgenPress –  Saridewi Djamani, 45 anni, è stata giudicata colpevole di traffico di 30 g (1,06 once) di eroina nel 2018.

È la seconda condannata per droga ad essere giustiziata questa settimana, dopo il collega singaporiano Mohd Aziz bin Hussain, e la quindicesima dal marzo 2022.

Singapore ha alcune delle leggi antidroga più severe del mondo, che si dice siano necessarie per proteggere la società.

La legge di Singapore specifica che la pena di morte sarà inflitta a chiunque venga sorpreso a trafficare più di 500 g di cannabis o 15 g di eroina.

Il Central Narcotics Bureau (CNB) di Singapore ha dichiarato in una dichiarazione che a Saridewi, condannato a morte il 6 luglio 2018, è stato concesso un “giusto processo” ai sensi della legge.

Il tribunale supremo della città aveva respinto il ricorso contro la sua condanna il 6 ottobre dello scorso anno. Anche una petizione per la grazia presidenziale non ha avuto successo, hanno detto le autorità.

La sua esecuzione arriva appena due giorni dopo che Aziz è stato impiccato mercoledì, in seguito alla sua condanna per traffico di 50 grammi di eroina nel 2017.

Ad aprile, un altro singaporiano, Tangaraju Suppiah, è stato giustiziato per traffico di 1 kg (35 once) di cannabis che non ha mai toccato. Le autorità affermano che ha coordinato la vendita tramite telefono cellulare.

Il miliardario britannico Sir Richard Branson ha nuovamente criticato Singapore per le sue esecuzioni, affermando che la pena di morte non è un deterrente contro il crimine.

“I trafficanti di droga su piccola scala hanno bisogno di aiuto, poiché la maggior parte è vittima di bullismo a causa delle loro circostanze”, ha detto giovedì Branson su Twitter.

Saridewi era una delle due donne nel braccio della morte a Singapore, secondo il Transformative Justice Collective, un gruppo per i diritti umani con sede a Singapore. È stata la prima donna giustiziata dalla città-stato dal parrucchiere Yen May Woen nel 2004, ha detto il gruppo. Yen è stato anche condannato per traffico di droga.

I media locali hanno riferito che Saridewi ha testimoniato durante il suo processo che stava facendo scorta di eroina per uso personale durante il mese del digiuno islamico.

Sebbene non abbia negato la vendita di droghe come eroina e metanfetamine dal suo appartamento, ha minimizzato la portata di tali attività, ha osservato il giudice See Kee Oon.

Le autorità sostengono che le rigide leggi sulla droga aiutano a mantenere Singapore come uno dei luoghi più sicuri al mondo e che la pena capitale per reati di droga gode di un ampio sostegno pubblico. Ma i sostenitori della pena di morte lo contestano.

“Non ci sono prove che la pena di morte abbia un effetto deterrente unico o che abbia un impatto sull’uso e la disponibilità di droghe”, ha dichiarato Chiara Sangiorgio di Amnesty International in una nota.

“L’unico messaggio inviato da queste esecuzioni è che il governo di Singapore è disposto a sfidare ancora una volta le salvaguardie internazionali sull’uso della pena di morte”, ha affermato.

Amnesty International ha osservato che, insieme a Cina, Iran e Arabia Saudita, Singapore è uno dei soli quattro paesi ad aver recentemente effettuato esecuzioni legate alla droga.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie