Usa. Biden a Netanyahu. Per una riforma giudiziaria ci vuole il consenso più ampio possibile

- Advertisement -spot_imgspot_img
- Advertisement -spot_imgspot_img

AgenPress – “In qualità di amico di lunga data di Israele, il presidente Biden ha espresso pubblicamente e privatamente la sua opinione secondo cui i principali cambiamenti democratici per essere duraturi devono avere il consenso più ampio possibile”.

Lo ha dichiarato l’addetto stampa Karine Jean-Pierre dopo il voto del parlamento israeliano che priva la Corte Suprema di alcuni poteri.

“È un peccato che il voto di oggi si sia svolto con la maggioranza più esigua possibile. Comprendiamo che i colloqui sono in corso e probabilmente continueranno nelle prossime settimane e mesi per creare un compromesso più ampio anche con la Knesset in pausa. Gli Stati Uniti continueranno a sostenere gli sforzi del presidente Herzog e di altri leader israeliani mentre cercano di costruire un consenso più ampio attraverso il dialogo politico”.

Prima del voto, Biden ha avvertito il governo israeliano di non andare avanti con la sua controversa revisione giudiziaria.

“Data la gamma di minacce e sfide che Israele deve affrontare in questo momento, non ha senso che i leader israeliani affrettino questo: l’obiettivo dovrebbe essere quello di riunire le persone e trovare consenso”, ha detto domenica Biden.

Biden è stato insolitamente esplicito riguardo alla proposta di revisione giudiziaria, suggerendo che equivale a un’erosione delle istituzioni democratiche e potrebbe minare le relazioni USA-Israele.

Ha sollevato preoccupazioni direttamente con lo stesso Benjamin Netanyahu durante una telefonata la scorsa settimana.

Dopo la chiamata – che l’ufficio di Netanyahu ha descritto come “calorosa” e ha affermato di includere un invito negli Stati Uniti per un incontro – Biden ha chiamato l’editorialista del New York Times Thomas Friedman allo Studio Ovale per chiarire la sua posizione sulla revisione giudiziaria, esortando i leader israeliani a “non affrettarsi” e “a cercare il consenso più ampio possibile  .

È insolito che l’amministrazione Biden intervenga con forza sulla politica interna di un altro paese, sottolineando quanto seriamente il presidente veda l’attuale situazione in Israele.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Potrebbe Interessarti

- Advertisement -spot_img

Ultime Notizie

- Advertisement -spot_img