Cisal: Salari bassi? Pesa anche ritardo rinnovi contratti

AgenPress. “Il problema del lavoro va letto non solo da un punto di vista occupazionale, ma anche salariale. Solo nell’ultimo anno gli stipendi sono calati del 7,5%, messi in ginocchio dall’inflazione ma anche dal cronico ritardo dai rinnovi contrattuali. In Francia i contratti si rinnovano ogni anno, in Germania ogni due anni.

In Italia le regole prevedono un rinnovo ogni tre anni, ma pochi  sono i contratti che vengono rinnovati alla scadenza, ed alcuni sono bloccati da 10 anni.

Anche lo Stato è inadempiente: i contratti del pubblico impiego infatti sono tutti scaduti. Serve introdurre clausole di salvaguardia che consentano di rivalutare in modo sostanziale i salari anche nel caso in cui un contratto scaduto non venga rinnovato, rafforzando le indennità di vacanza contrattuale e in modo da stimolare i rinnovi”.

Lo riferisce in una nota il Segretario Generale della Cisal, Francesco Cavallaro.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie