Ucraina. A Kiev impiegato di un albergo annega un cucciolo. Tre salvati. La madre ridotta in fin di vita.

AgenPress – I rappresentanti dell’organizzazione per la protezione degli animali “Home of Rescued Animals” hanno affermato di essere stati avvicinati dagli ospiti dell’hotel locale “Edem” e di aver chiesto di salvare i cuccioli appena nati.

I volontari dello zoo sono stati informati che un cagnolina incinta viveva in catena dell’hotel. Solo le persone più premurose hanno nutrito l’animale.

Secondo il volontario Orest Zalypskyi, la ragazza che viveva nell’hotel ha chiesto a un impiegato dell’hotel di nome Lubomyr di aiutare la cagnolina che ha sofferto tutto il giorno per dare  alla luce dei cuccioli, mentre il proprietario dell’hotel si è rifiutato di rispondere alla sua richiesta di aiutare l’animale.

“Alla fine, a tarda notte, un dottore avrebbe visitato  il cane per portarlo in un posto sconosciuto, ma il cane è semplicemente scomparso, come si è scoperto in seguito, è stato gettato in un campo lasciando i cuccioli” ha raccontato un volontariato.

Secondo l’attivista per i diritti degli animali, l’impiegato dell’hotel voleva annegare i cuccioli. La ragazza è rimasta vicino agli animali tutta la notte. Lubomyr ne ha annegato uno mentre tre sono sopravvissuti.

Al mattino, la ragazza ha ritrovato la madre, che è stata portata all’ospedale veterinario insieme ai cuccioli.

“I medici sono rimasti scioccati dalle condizioni della cagnolina! Era ricoperta di vermi, le sue condizioni sono critiche… I medici hanno lottato per la sua vita fino alla fine, ma niente è servito. I vermi la stavano mangiando dall’interno, non solo dall’esterno. C’erano anche gattini morti, che non poteva partorire”, ha detto  Orest Zalypskyi.

Tre cuccioli sono sopravvissuti, si trovano nel rifugio “Casa degli animali salvati”. I volontari cercano un cagnolina che possa nutrirli.

Dopo questo evento,  a Julia e al suo ragazzo è stato detto di lasciare l’albergo. La “Casa degli animali salvati” ha anche affermato di aver già contattato la polizia.

“Abbiamo presentato una dichiarazione ai sensi dell’articolo 299 del codice penale dell’Ucraina. Riguarda la crudeltà sugli animali. Abbiamo preso il cadavere del cagnolina dalla clinica veterinaria, per ora sarà tenuto con noi. Perché la polizia deve decidere per un esame”, ha aggiunto Orest Zalypskyi .

La polizia della regione di Kiev “UP. Life” ha riferito che il principale dipartimento di polizia ha ricevuto un ricorso ed è attualmente all’esame.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie