Ucraina. I comandanti dell’Azovstal tornati a casa con Zelensky andranno di nuovo sul campo di battaglia

AgenPress – I comandanti ucraini che sono stati catturati dalle forze russe dopo aver guidato la difesa di Mariupol dall’acciaieria di Azovstal hanno promesso di tornare sul campo di battaglia dopo uno scambio di prigionieri.

I comandanti hanno annunciato le loro intenzioni in una conferenza stampa tenutasi poco dopo l’arrivo a Leopoli, in Ucraina, con il presidente Volodymyr Zelensky sabato.

Gli uomini sono tra i combattenti di più alto profilo caduti nelle mani dei russi dall’inizio della guerra. Hanno annunciato le loro intenzioni in una conferenza stampa tenutasi poco dopo il loro arrivo nella città occidentale di Lviv, in Ucraina, accompagnati dal presidente Volodymyr Zelensky.

Erano stati riportati dalla Turchia – dove erano trattenuti da settembre in virtù di un accordo raggiunto con la Russia – sullo stesso aereo che aveva riportato Zelenskyj dal suo incontro con il presidente turco Recep Tayyip Erdogan.

Secondo i termini del loro trasferimento 10 mesi fa, la Turchia aveva concordato che gli uomini non sarebbero stati consegnati all’Ucraina fino alla fine della guerra. Non è stato subito chiaro perché Erdogan avesse apparentemente violato quell’accordo con Mosca.

Dopo un lungo assedio iniziato il primo giorno di guerra, la città portuale ucraina di Mariupol è caduta sotto il completo controllo russo nel 2022 con la resa di Azovstal , l’ultimo baluardo della difesa ucraina della città. L’esercito russo ha affermato che oltre 2.000 membri del servizio ucraino si sono arresi lì.

In una conferenza stampa, alcuni dei combattenti hanno parlato delle loro esperienze in Turchia e hanno condiviso le loro aspettative per il futuro.

“La cosa più importante per oggi è che l’esercito ucraino ha preso l’iniziativa strategica in prima linea e sta andando avanti ogni giorno”, ha detto Denys Prokopenko, comandante del reggimento Azov.

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie