“Zaporizhzhia è obiettivo militare per Mosca”. Kiev avverte i cittadini sulla protezione dalle radiazioni

AgenPress – Funzionari ucraini hanno affermato di avere procedure in atto per un potenziale assalto russo alla centrale elettrica di Zaporizhzhia, poiché Kiev ha avvertito di una provocazione da parte del Cremlino presso la struttura.

Il vice ministro della Difesa Hanna Maliar ha avvertito che Mosca è capace di “azioni completamente sconsiderate” che potrebbe tentare di far passare per sabotaggio da parte dell’Ucraina. Allo stesso tempo, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha detto che c’è una “grande minaccia di sabotaggio da parte di Kiev” nell’impianto, che potrebbe avere “conseguenze catastrofiche”.

 “Al fine di ridurre al minimo le potenziali conseguenze negative, i servizi di emergenza si sono addestrati per diversi giorni in quattro regioni ucraine – Dnipropetrovsk, Zaporizhzhia, Kherson e Mykolaiv – per superare le conseguenze di un possibile attacco terroristico allo ZNPP. “

La Russia potrebbe attaccare l’impianto, ha avvertito, per volgere lo slancio della guerra a suo favore e “raggiungere i suoi obiettivi militari”.

“In queste ore stiamo discutendo le sfide principali: la prima è la protezione delle centrali nucleari. Ne abbiamo discusso con il comandante dell’aeronautica, il ministro degli Interni, il capo e il dg di Energoatom (l’azienda che gestisce le quattro centrali nucleari ucraine), il capo del servizio di guardia di frontiera”, ha scritto su Telegram il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

Il ministero della Salute ucraino ha nuovamente diffuso le indicazioni ai cittadini su come comportarsi per difendersi da eventuali radiazioni se dovesse verificarsi un incidente nucleare. Il Cremlino oggi ha detto che il rischio di “un sabotaggio di Kiev” alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, controllata dai russi, rimane “molto alto”. (ANSA).
LOG/

I livelli di radiazione sono “entro i limiti normali” e nella zona di 30 chilometri (18,6 miglia) intorno alle centrali elettriche colpite e nelle aree intorno a Chernobyl sono “entro i valori medi mensili”, secondo il Ministero degli affari interni ucraino.

Nel frattempo, i funzionari ucraini a Nikopol, nel sud dell’Ucraina, hanno affermato che l’impianto di Zaporizhzhia occupato dai russi funziona normalmente e non ci sono stati “movimenti significativi di manodopera e attrezzature degli occupanti”. 

Il funzionario militare locale Yurii Malashko ha fatto eco a Maliar e ha affermato che mentre le forze russe sono “imprevedibili”, le forze speciali ucraine sono pronte per qualsiasi sviluppo pericoloso e hanno “controllato l’equipaggiamento necessario e elaborato piani di risposta”.  

La compagnia energetica statale ucraina Energoatom ha affermato che il livello dell’acqua nello stagno di raffreddamento è “stabile e sotto controllo”, nonostante un attacco russo alla diga di Kakhovka, che fornisce acqua per il raffreddamento dell’impianto, causando estese inondazioni nella vicina regione di Kherson. 

I funzionari russi  che erano stati messi a Zaporizhzhia hanno respinto le preoccupazioni sollevate dalle autorità ucraine, dicendo che “tutto è normale” e l’impianto è operativo. 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie