Israele pone fine al raid in Cisgiordania. A Jenin in migliaia ai funerali dei 12 palestinesi uccisi

AgenPress Israele ha ritirato le truppe da una roccaforte militante della Cisgiordania, ma ha avvertito che la sua più intensa operazione militare nel territorio occupato in quasi due decenni potrebbe essere ripetuta. Dodici palestinesi e un soldato israeliano sono stati uccisi nei due giorni di raid.

I residenti del campo profughi di Jenin si sono trovati di fronte a macerie, auto distrutte o bruciate. I negozianti e i bulldozer hanno iniziato a rimuovere i detriti. Migliaia di persone sono fuggite dai combattimenti. 

Migliaia di persone a Jenin, nella Cisgiordania occupata, hanno partecipato al funerale dei 12 palestinesi. 

Kefah Dabayyah, un residente del campo profughi di Jenin di 33 anni, ha detto che lui e la sua famiglia sono tornati mercoledì per trovare una distruzione diffusa.

“Le strade sono state distrutte e molte case sono state colpite, i vetri delle finestre erano ovunque”, ha detto. La sua casa non è stata colpita, ma non c’erano acqua, elettricità o servizio internet.

L’esercito ha affermato di aver inflitto gravi danni ai gruppi militanti nell’operazione, che includeva una serie di attacchi aerei e centinaia di truppe di terra. Ma non è chiaro se ci saranno effetti duraturi dopo più di un anno di pesanti combattimenti in Cisgiordania.

Prima del ritiro, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha promesso di effettuare operazioni simili se necessario.

“In questi momenti stiamo completando la missione e posso dire che la nostra vasta operazione a Jenin non è una tantum”, ha detto durante una visita a una postazione militare alla periferia di Jenin. “Sradicheremo il terrorismo ovunque lo vediamo e lo colpiremo”.

Il raid di Jenin è stata una delle più intense operazioni militari israeliane in Cisgiordania da quando due decenni fa è terminata una rivolta armata palestinese contro l’occupazione senza fine di Israele.

Alcune delle scene di Jenin, compresi i massicci bulldozer dell’esercito che attraversano i vicoli del campo, erano stranamente simili a quelle di una grande incursione israeliana nel 2002, che durò otto giorni e divenne nota come la battaglia di Jenin.

Entrambe le operazioni, a due decenni di distanza, avevano lo scopo di schiacciare i gruppi militanti nel campo e scoraggiare e prevenire gli attacchi contro gli israeliani provenienti dal campo. In ogni caso, l’esercito ha rivendicato il successo.

Tuttavia, il continuo ciclo di incursioni dell’esercito e attacchi palestinesi ha sollevato nuove domande sulle tattiche di Israele. Il raid di questa settimana ha avuto un ampio sostegno in tutto lo spettro politico israeliano, ma alcuni critici nel paese hanno sostenuto che l’impatto è di breve durata, con uomini armati uccisi rapidamente sostituiti da altri.

“Come al solito, è meglio prendere queste cose in proporzione. Per l’establishment della sicurezza, questa è finora un’operazione riuscita, ma non ha alcuna reale possibilità di effettuare un cambiamento fondamentale nello stato delle cose in Cisgiordania”, ha scritto Amos Harel, commentatore di affari militari per il quotidiano Haaretz.

Il presidente palestinese Mahmoud Abbas, il cui governo di autonomia amministra parti della Cisgiordania, ha rifiutato la violenza contro gli israeliani, ma ha effettivamente perso il controllo su diverse roccaforti di uomini armati. I video amatoriali pubblicati sui social media sembravano mostrare residenti arrabbiati di Jenin che lanciavano pietre contro il quartier generale della polizia dell’Autorità palestinese dopo il ritiro dell’esercito israeliano.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie