Agenzia energia atomica. Grossi: “nella centrale di Zaporizhzhya non vi sono tracce visibili di mine o esplosivi”

AgenPress – Gli esperti dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (IAEA) presenti presso la centrale nucleare ucraina di Zaporizhzhya (ZNPP) hanno ispezionato parti dell’impianto negli ultimi giorni e settimane, comprese alcune sezioni del perimetro del grande bacino di raffreddamento, e hanno anche condotto visite regolari attraverso il sito, senza osservare alcuna indicazione visibile di mine o esplosivi. Lo ha detto oggi il direttore generale Rafael Mariano Grossi.

Gli esperti dell’AIEA hanno richiesto un ulteriore accesso necessario per confermare l’assenza di mine o esplosivi nel sito, ha affermato il direttore generale Grossi. In particolare, è essenziale l’accesso ai tetti delle unità 3 e 4 del reattore, così come l’accesso a parti delle sale turbine e ad alcune parti del sistema di raffreddamento dell’impianto, ha aggiunto.

Il Direttore Generale Grossi ha sottolineato l’importanza che il team dell’AIEA controlli tutte le parti dello ZNPP per monitorare il pieno rispetto dei cinque principi fondamentali per proteggere la più grande centrale nucleare d’Europa durante l’attuale conflitto militare, a seguito di dichiarazioni e accuse contrarie dei giorni scorsi sulla situazione militare al sito.

“Con l’aumento della tensione e delle attività militari nella regione in cui si trova questa importante centrale nucleare, i nostri esperti devono essere in grado di verificare i fatti sul campo. La loro segnalazione indipendente e obiettiva aiuterebbe a chiarire la situazione attuale nel sito, che è cruciale in un momento come questo con accuse e controaccuse non confermate”, ha affermato il direttore generale Grossi.

L’AIEA è a conoscenza di rapporti secondo cui mine e altri esplosivi sono stati collocati all’interno e intorno allo ZNPP.

I cinque principi fondamentali per la protezione della ZNPP che il Direttore Generale Grossi ha stabilito il 30 maggio presso il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite prevedono che non vi debba essere alcun attacco da o contro la centrale e che essa non debba essere utilizzata come deposito o base per pesanti armi: lanciarazzi multipli, sistemi di artiglieria e munizioni e carri armati.

Il direttore generale Grossi ha affermato che il team dell’AIEA non ha riferito di recenti bombardamenti o esplosioni e ha aggiunto che la presenza militare nel sito è apparsa invariata.

Il team dell’AIEA ha riferito che l’unica linea elettrica principale esterna rimanente da 750 kilovolt (kV) era stata ricollegata alla ZNPP ieri pomeriggio, circa 12 ore dopo che era stata improvvisamente interrotta, lasciando l’impianto dipendente da alimentatori di riserva.

La Russia ha occupato l’impianto nucleare di Zaporizhzhia all’inizio di marzo 2022, ma è ancora gestito principalmente da lavoratori ucraini. La più grande centrale nucleare d’Europa si trova in prima linea nella guerra, il che significa che i bombardamenti nelle vicinanze sono comuni e l’impianto è stato spesso disconnesso dalla rete elettrica dell’Ucraina, sollevando ripetutamente timori di un incidente nucleare.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie