Hong Kong. Polizia per la sicurezza nazionale ha emesso mandati di arresto e una taglia da 130mila dollari ciascuno per 8 attivisti autoesiliati

AgenPress – La polizia di sicurezza nazionale di Hong Kong ha emesso mandati di arresto per otto attivisti autoesiliati, tra cui gli ex legislatori Ted Hui e Dennis Kwok. La Forza ha anche offerto 1 milione di HK $ per ciascuna delle persone ricercate, )130mila dollari Usa ciascuno)

L’annuncio è arrivato una settimana dopo che un editoriale del quotidiano statale Ta Kung Pao citava l’articolo 38 della legge sulla sicurezza nazionale, in cui si afferma che la legislazione radicale si applica alle persone al di fuori della città. Ha aggiunto che la Cina – in quanto membro dell’Organizzazione internazionale della polizia criminale, o Interpol – può richiedere la cooperazione internazionale dei paesi membri per aiutare a catturare i fuggitivi.

La polizia ha nominato gli ex legislatori Ted Hui e Dennis Kwok; gli attivisti Nathan Law, Anna Kwok, Elmer Yuen, Mung Siu-tat e Finn Law; e l’avvocato Kevin Yam come gli otto ricercati.

Il sovrintendente capo della polizia per la sicurezza nazionale, Steve Li, ha detto che offrire le taglie non era il modo della Forza di mettere in scena uno spettacolo, ma era l’applicazione della legge.

Ha citato l’articolo 37 e l’articolo 38 della legge sulla sicurezza emanata da Pechino e ha affermato che la polizia di Hong Kong ha giurisdizione extraterritoriale e la responsabilità di perseguire individui residenti all’estero che hanno commesso atti che mettono in pericolo la sicurezza nazionale della città. Tali poteri sono stati stipulati in legislazioni simili adottate in altri paesi e regioni, ha affermato.

La polizia ha affermato che il gruppo aveva “gravemente violato i reati di sicurezza nazionale, chiesto sanzioni contro i funzionari locali e tramato affinché i paesi stranieri minassero la situazione finanziaria di Hong Kong”. Gli otto dovrebbero farsi avanti e arrendersi, ha aggiunto la polizia, dicendo che i tribunali potrebbero prendere in considerazione l’imposizione di una pena più lieve se lo facessero.

Il massimo organo legislativo cinese ha approvato una legge sulla sicurezza nazionale a Hong Kong nel giugno 2020 dopo mesi di proteste e disordini contro una controversa legge sull’estradizione. Ha criminalizzato la sovversione, la secessione, la collusione con forze straniere e gli atti terroristici , che sono stati ampiamente definiti per includere l’interruzione dei trasporti e di altre infrastrutture.

La mossa ha conferito alla polizia nuovi poteri, allarmando i democratici, i gruppi della società civile e i partner commerciali, poiché tali leggi sono state ampiamente utilizzate per mettere a tacere e punire i dissidenti in Cina. Tuttavia, le autorità affermano che ha riportato stabilità e pace alla città.

Parlando alla conferenza stampa di lunedì, il sovrintendente senior Hung Ngan del dipartimento di sicurezza nazionale della polizia ha affermato che la Forza aveva prove contro gli otto ricercati in relazione ai loro presunti reati alla sicurezza nazionale.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie