Carcere Regina Coeli: USPP, chiede interventi per la lotta alla illegalità e la messa in sicurezza del lavoro della polizia penitenziaria

AgenPress.  Il Presidente USPP Giuseppe Moretti intervenendo alla presentazione del libro  “Al di sopra della legge: come la mafia comanda in Carcere” del consigliere Sebastiano Ardita procuratore aggiunto di Catania, nella sala Promototeca del Comune di Roma, e in riferimento ai fatti accaduti e vissuti in prima persona nel carcere di Regina Coeli non lesina critiche alla gestione del sistema penitenziario, frutto di anni di sottovalutazione degli effetti che taluni provvedimenti avrebbero arrecato; richiama l’amministrazione penitenziaria e chi ha la responsabilità politica  ad assumere ogni provvedimento necessario e direttive chiare su come evitare che situazioni oramai fuori controllo, determinino condizioni di maggior rischio per gli agenti: rinnovando la richiesta di dichiarazione dello Stato di Emergenza Penitenziaria,  per riportare l’ordine e la sicurezza al centro del sistema carcerario per perseguire gli obiettivi che la costituzione chiede all’esecuzione penale.

Nel frattempo Uspp Lazio ha avuto un’ulteriore notizia che un detenuto psichiatrico ha tentato di colpire un agente con un lama rudimentale. Mentre l’agente colpito ieri ha avuto 30 giorni di prognosi con 20 punti di sutura alla mandibola fratturata dall’aggressione di un detenuto durante il colloquio.

Regina Coeli ha bisogno di un vertice che possa ridare serenità al personale stremato dovuto anche ad una carenza di organico che sfiora il 40%.

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie