Cina. Ministro Commercio avverte gli Usa. Siamo preoccupati da politiche su export e microchip

AgenPressIl segretario al Commercio degli Stati Uniti Gina Raimondo e il ministro del Commercio cinese Wang Wentao si sono scambiati critiche su commercio, investimenti e politiche di esportazione nei colloqui di giovedì descritti dall’ufficio di Raimondo come “franchi e sostanziali”.

Il loro incontro a Washington è stato il primo scambio a livello di gabinetto USA-Cina da mesi, dopo che una serie di irritanti per il commercio e la sicurezza nazionale hanno fatto deragliare i piani per un nuovo impegno tra le due maggiori economie del mondo.

“I due hanno avuto discussioni sincere e sostanziali su questioni relative alle relazioni commerciali USA-Cina, compreso l’ambiente generale in entrambi i paesi per il commercio e gli investimenti e le aree di potenziale cooperazione”, ha affermato il Dipartimento del Commercio in una nota.

“Il segretario Raimondo ha anche espresso preoccupazione per la recente ondata di azioni della RPC (Repubblica popolare cinese) intraprese contro le società statunitensi che operano nella RPC”, ha aggiunto la dichiarazione.

Wang ha sollevato preoccupazioni fondamentali sulle politiche statunitensi nei confronti della Cina, compresi i semiconduttori, i controlli sulle esportazioni e le revisioni degli investimenti esteri, ha affermato una dichiarazione del ministero del Commercio cinese.

Entrambe le parti hanno concordato di stabilire e mantenere canali di comunicazione aperti, con l’ufficio di Raimondo che ha affermato che avrebbe aiutato a “gestire responsabilmente la relazione”.

Il ministero del Commercio cinese ha affermato che le comunicazioni consentiranno scambi su specifici interessi commerciali economici e questioni di cooperazione.

Wang dovrebbe anche incontrare il rappresentante per il commercio degli Stati Uniti Katherine Tai a margine di una riunione dei ministri del commercio dell’APEC a Detroit che si concluderà venerdì.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente cinese Xi Jinping hanno promesso comunicazioni più frequenti in occasione di un vertice del G20 in Indonesia lo scorso novembre per evitare che le tensioni tra Stati Uniti e Cina si trasformino in una nuova guerra fredda.

Ma quei piani subirono diverse battute d’arresto, a cominciare dall’abbattimento di un pallone spia cinese nelle acque costiere degli Stati Uniti.

Wang ha incontrato i rappresentanti delle aziende americane a Shanghai, tra cui Johnson & Johnson, 3M, Dow, Merck e Honeywell, secondo il Ministero del Commercio, dicendo loro che “la Cina continuerà ad accogliere le imprese finanziate dagli Stati Uniti per svilupparsi in Cina e ottenere risultati vantaggiosi per tutti”.

La Cina si è lamentata del numero crescente di restrizioni all’esportazione statunitensi di semiconduttori avanzati e altri beni ad alta tecnologia che potrebbero avere applicazioni militari e revisioni di sicurezza che scoraggiano gli investimenti cinesi negli Stati Uniti.

Il viaggio di Wang negli Stati Uniti arriva dopo che i leader del Gruppo dei Sette (G7) si sono incontrati a Hiroshima, durante il quale il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e altri leader del G7 hanno preso di mira la Cina per “coercizione economica” e hanno detto che avrebbero “ridotto il rischio” senza “disaccoppiamento” dalla seconda economia più grande del mondo in tutto, dalle patatine ai minerali.

Raimondo, Blinken e il segretario al Tesoro Janet Yellen hanno tutti espresso interesse a visitare la Cina.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie