Pakistan. Dopo l’arresto, Imran Khan si presenta in Tribunale. Disordini nel paese, 1000 arresti

AgenPress – L’ex primo ministro pakistano Imran Khan è comparso davanti a un giudice, il giorno dopo che il suo arresto con l’accusa di corruzione ha scatenato proteste a livello nazionale.

L’ex primo ministro è stato arrestato per danno ai fondi dello Stato,  ha dichiarato il ministro degli Interni Rana Sanaullah riferendosi alle accuse di corruzione che pesano sul leader del Pakistan Tehreek-e-Insaf (Pti).

Khan è però stato arrestato in tribunale dal National Accountability Bureau (Nab) nell’ambito di un altro caso, quello di corruzione legato all’Al-Qadir Trust. L’ispettore generale Akbar Nasir Khan ha spiegato che l’arresto è avvenuto in relazione al fondo al-Qadir che vede coinvolti Imran Khan, sua moglie Bushra Bibi e i loro stretti collaboratori Zulfiqar Bukhari e Babar Awan. Sono tutti indagati in un’inchiesta relativa a un accordo tra l’allora governo Pti e il magnate immobiliare pachistano Malik Riaz. Sono anche accusati di aver ottenuto indebitamente i terreni per fondare l’università Al-Quadir. Il mandato di cattura risale al primo maggio.

Quasi 1.000 persone sono state arrestate, dice la polizia, da quando Khan è stato arrestato.

Almeno due persone sono morte nelle violente proteste scoppiate in diverse città del Pakistan dopo il suo arresto martedì. L’ex star internazionale del cricket, 70 anni, è stato estromesso lo scorso aprile, a meno di quattro anni dal suo mandato come primo ministro.

A novembre, è stato colpito a una gamba mentre faceva campagna elettorale tra la folla nella città di Wazirabad.

Ha accusato un alto funzionario dell’intelligence di aver compiuto l’attentato, accusa smentita con forza dai militari nei giorni scorsi. Un giorno prima del suo arresto, i militari avevano messo in guardia il signor Khan dal ripetere l’accusa.

L’ex premier sta affrontando diverse accuse relative a corruzione e sedizione, che secondo lui sono motivate politicamente. Fino a martedì era riuscito più volte a eludere l’arresto rifiutandosi di presentarsi alle udienze in tribunale.

I suoi sostenitori sostengono che l’attuale governo pakistano abbia mosso queste accuse contro Khan nel tentativo di impedirgli di partecipare alle elezioni generali previste per ottobre. Il signor Khan aveva condotto una campagna in tutto il paese affinché lo scrutinio si tenesse prima.

“Il signor Imran Khan affronterà la legge, se innocente, [lui] può contestare le elezioni. Ma se ritenuto colpevole di corruzione, dovrà affrontare le conseguenze di ciò”, ha detto mercoledì il ministro della Pianificazione Ahsan Iqbal in una conferenza stampa .

La polizia ha effettuato irruzioni e arrestato sostenitori del partito di Khan nelle ore successive alla sua detenzione.

Asad Umar, il segretario generale del partito Pakistan Tehreek-e-Insaf (PTI) di Khan, era tra gli arrestati.

Quasi 1.000 persone sono state arrestate anche nella provincia del Punjab dopo le proteste di martedì notte.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie