Mosca. Il discorso “folle” di Putin contro l’Ucraina e l’Occidente, “provoca conflitti sanguinosi. Contro di noi una vera guerra”

AgenPress – “Una vera e propria guerra è stata nuovamente scatenata contro la nostra Patria ma abbiamo contrastato il terrorismo internazionale, proteggeremo gli abitanti del Donbass e proteggeremo il nostro Paese”.

Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin nel suo discorso per il giorno della vittoria, affermando che che l’Ucraina è diventata “ostaggio” di un regime guidato da “maestri occidentali”.

Putin paragona regolarmente il governo democraticamente eletto dell’Ucraina ai nazisti sconfitti nella seconda guerra mondiale.

Solo la Russia rimane fedele ai risultati della seconda guerra mondiale, mentre l’Occidente ha dimenticato chi ha sconfitto i nazisti.

Ai russi è sempre stato detto che hanno vinto la seconda guerra mondiale, quindi non sorprende che non faccia menzione della lotta alleata che liberò l’Europa meridionale e occidentale dal nazismo.

Il leader russo ha già usato una retorica simile nel tentativo di giustificare la sua invasione non provocata dell’Ucraina.

Si è detto orgoglioso dei soldati che stanno partecipando a quella che chiama “l’operazione militare speciale” della Russia. 

L’Occidente “provoca conflitti sanguinosi”, semina i semi della “russofobia” e pretende di “dettare le sue regole a tutte le nazioni”. Le “elite occidentali” hanno dimenticato quelle che furono “le conseguenze delle pretese naziste di dominare il mondo”.

“Una vera guerra è stata scatenata contro la nostra madrepatria. Abbiamo respinto il terrorismo internazionale e per adattarci difenderemo i residenti del Donbass e garantiremo la nostra stessa sicurezza”, ha detto, riferendosi alla regione orientale dell’Ucraina che è stata in gran parte occupata dalle forze russe da quando Putin ha ordinato l’invasione del suo vicino in febbraio dello scorso anno.

“La Russia non ha nazioni ostili a ovest o a est”, ha aggiunto.

Il Giorno della Vittoria è il più significativo nel calendario di Putin, che lo usa da tempo per raccogliere il sostegno pubblico e dimostrare l’abilità militare del Paese.

“Come la maggior parte delle persone su questo pianeta, vogliamo vedere il futuro pacifico, libero e stabile. Crediamo che qualsiasi ideologia di supremazia per sua natura sia ripugnante, criminale e mortale”.

Putin ha affermato che la Russia onora il sacrificio degli eserciti alleati di Stati Uniti, Regno Unito e Cina nella seconda guerra mondiale.

“La memoria dei nostri difensori della madrepatria è sacra nei nostri cuori. Onoriamo i membri della resistenza che hanno combattuto i nazisti, i soldati degli eserciti alleati di Stati Uniti, Gran Bretagna e altri paesi. Ricordiamo e onoriamo il memoria dei soldati cinesi nella loro battaglia contro il militarismo giapponese”.

Putin ha suggerito che “l’esperienza della solidarietà” potrebbe essere una base per la costruzione di un “mondo multipolare”.

“Sono convinto che l’esperienza della solidarietà e del partenariato nei giorni della lotta contro una minaccia comune sia il nostro patrimonio e una base affidabile di appoggio nel nostro movimento verso un mondo multipolare basato sulla fiducia e sulla sicurezza indivisibile, sulle pari opportunità per una vita unica e libera sviluppo per tutte le nazioni del mondo”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie