La Cina prende le distanze dall’ambasciatore cinese in Francia. Sì alla sovranità dei paesi ex sovietici

AgenPress – La Cina ha preso le distanze dalle osservazioni dell’ambasciatore cinese in Francia che ha messo in dubbio la sovranità dell’Ucraina e di altri paesi ex sovietici.

Il ministero degli Esteri cinese ha affermato di rispettare l’indipendenza di tutte le repubbliche post-sovietiche.

La Cina è un importante alleato della Russia e non ha condannato l’invasione dell’Ucraina da parte del presidente Vladimir Putin lo scorso anno.

Si considera uno dei principali attori nei tentativi di portare la pace in Ucraina, ma è diventato un partner commerciale sempre più importante per la Russia tra le sanzioni occidentali provocate dall’invasione, e molti in Occidente dubitano della sua imparzialità sulla questione.

In un’intervista per la rete francese LCI  all’ambasciatore Lu è stato chiesto il punto di vista della Cina sullo status della Crimea che la Russia ha annesso nel 2014.

L’intervistatore ha sostenuto che, secondo il diritto internazionale, la regione faceva parte dell’Ucraina.

Lu ha risposto suggerendo che la questione non era chiara e che paesi come l’Ucraina non potevano fare affidamento sul diritto internazionale per difendere la propria sovranità.

“Anche questi ex paesi sovietici non hanno uno status effettivo ai sensi del diritto internazionale perché non esiste alcun accordo internazionale ai sensi del diritto internazionale per concretizzare il loro status di paesi sovrani”, ha affermato.

Il presidente Putin ha spesso sfidato l’indipendenza ucraina. In un discorso pochi giorni prima dell’inizio dell’invasione della Russia lo scorso anno, ha negato che l’Ucraina avesse una “reale statualità” e ha affermato che il paese è parte integrante della storia e della cultura della Russia.

La portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning ha respinto la posizione di Lu, affermando che Pechino rispetta la sovranità, l’indipendenza e l’integrità territoriale di tutti i paesi e sostiene gli scopi ei principi della Carta delle Nazioni Unite.

Ha detto che mentre “l’Unione Sovietica era uno stato federale e aveva lo status di un’entità di diritto internazionale nella sua interezza negli affari esteri … questo non nega il fatto che ogni repubblica membro dell’Unione Sovietica abbia lo status di un stato sovrano dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica”.

Successivamente l’ambasciata cinese a Parigi ha affermato  che le osservazioni del signor Lu erano un punto di vista personale e non dovrebbero essere interpretate in modo eccessivo.

Tre paesi baltici, Lituania, Lettonia ed Estonia, hanno convocato i rappresentanti della Cina per chiarire i commenti di Lu.

Il ministro degli Esteri lituano Gabrielius Landsbergis ha detto, citato da AFP, che ai diplomatici sarebbe stato chiesto di spiegare se la posizione cinese fosse cambiata sull’indipendenza e ha ricordato che “non siamo paesi post-sovietici ma siamo i paesi occupati illegalmente da Unione Sovietica”.

I tre paesi furono conquistati dall’URSS nel 1940 e raggiunsero l’indipendenza solo nel 1991 mentre stava crollando.

Altri ministri degli Esteri dell’Unione Europea hanno condannato le osservazioni e avrebbero dovuto discuterne lunedì in una riunione del blocco dei 27 membri.

Anche l’aiutante presidenziale ucraino Mykhaylo Podolyak ha messo in dubbio l’interpretazione del diritto internazionale da parte di Lu e ha definito “assurda” la sua opinione sulla Crimea.

“Se vuoi essere un attore politico importante, non ripetere a pappagallo la propaganda degli estranei russi”.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie