Varsavia. Il presidente tedesco paragona Putin ai nazisti. Chiede “perdono per i crimini” commessi dalla Germania

AgenPress – Il presidente tedesco ha tracciato parallelismi tra la brutale repressione nazista della rivolta del ghetto di Varsavia nel 1943 e l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte del presidente russo Putin lo scorso anno.

Putin “ha violato il diritto internazionale, sfidato i confini, commesso l’accaparramento di terre”, ha dichiarato Frank-Walter Steinmeier durante una cerimonia commemorativa in Polonia.

Più di 10.000 ebrei furono uccisi dai nazisti durante la rivolta del ghetto. Steinmeier ha chiesto “perdono per i crimini” commessi dalla Germania.

L’insurrezione del ghetto di Varsavia – uno degli atti di sfida più notevoli della seconda guerra mondiale – iniziò esattamente 80 anni fa come risposta agli sforzi nazisti di mandare nei campi di sterminio la restante popolazione ebraica nella capitale polacca.

Centinaia di giovani ebrei – armati solo di pistole, mitragliatrici e granate – trattennero per tre settimane l’assalto delle truppe tedesche.

Circa 13.000 ebrei furono uccisi, molti dei quali bruciati vivi o soffocati dopo che i nazisti bruciarono il ghetto blocco per blocco.

Dei restanti 50.000 residenti, quasi tutti furono catturati e inviati nei campi di sterminio di Majdanek e Treblinka nella Polonia occupata dai nazisti.

Steinmeier, insieme al presidente polacco Andrzej Duda e al presidente israeliano Isaac Herzog, ha deposto ghirlande al monumento agli eroi del ghetto di Varsavia.

E intervenendo alla cerimonia commemorativa, il presidente tedesco ha affermato che la guerra del presidente Putin “porta incommensurabili sofferenze, violenze, distruzione e morte al popolo ucraino”.

“Voi in Polonia, voi in Israele, sapete dalla vostra storia che la libertà e l’indipendenza devono essere combattute e difese. Sapete quanto sia importante per una democrazia difendersi.

“Ma anche noi tedeschi abbiamo imparato la lezione della nostra storia. Mai più, il che significa che non ci deve essere una guerra criminale di aggressione come quella della Russia contro l’Ucraina in Europa”.

Steinmeier ha sottolineato che ciò significa che la Germania e le altre nazioni occidentali “si schiereranno fermamente dalla parte dell’Ucraina”.

È stata la prima volta che un capo di stato tedesco è stato invitato a parlare in un anniversario della rivolta del ghetto di Varsavia.

A differenza delle controparti in altri paesi occidentali, i leader tedeschi hanno avuto rapporti piuttosto tesi con le autorità ucraine durante le prime settimane dell’invasione russa, con alti funzionari a Kiev che li criticavano apertamente per essersi rifiutati di inviare armi moderne.

È stato anche riferito che Steinmeier è stato snobbato dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky l’anno scorso, quando voleva visitare la capitale ucraina insieme ad altri leader occidentali.

Ma ora la Germania è considerata in prima linea nella lotta dell’Ucraina con le forze d’invasione.

Si ritiene che decine di migliaia di persone siano state uccise e molte città e villaggi ucraini sono stati distrutti da quando il presidente Putin ha lanciato la sua invasione il 24 febbraio 2022.L’Ucraina ei suoi alleati accusano le truppe russe di aver commesso migliaia di crimini di guerra, tra cui omicidi di massa, stupri e deportazioni.

Luoghi di sepoltura di massa sono stati trovati in diverse parti dell’Ucraina precedentemente occupate dalle truppe russe, tra cui alcuni contenenti corpi di civili che mostrano segni di tortura.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie