Cina. Tempesta di sabbia colpisce Pechino e le regioni nord-orientali per la quarta volta in un mese

AgenPress – Una violenta tempesta di sabbia ha colpito Pechino e le regioni nord-orientali della Cina per la quarta volta in un mese, costringendo alcuni residenti a rimanere in casa per proteggersi dal denso inquinamento atmosferico.

Le immagini hanno mostrato la capitale cinese avvolta da una nuvola di foschia arancione che è rimasta sospesa nell’aria fino a martedì, anche se le condizioni hanno iniziato a migliorare.

Le autorità di Pechino hanno detto a bambini e anziani di rimanere in casa e agli adulti sani è stato consigliato di astenersi dall’attività all’aperto. Ai residenti è stato inoltre ricordato di tenere le finestre chiuse e di indossare mascherine e schermi facciali.

Lunedì, l’indice di qualità dell’aria è salito a livelli “gravemente inquinati”, secondo il Centro di monitoraggio ecologico e ambientale municipale di Pechino.

Le concentrazioni di particelle PM10 hanno superato i 1.321 microgrammi per metro cubo alle 21:00 di lunedì, secondo il centro, quasi 30 volte la linea guida media giornaliera di 45 microgrammi per metro cubo stabilita dall’Organizzazione mondiale della sanità.

I PM10 sono particelle di inquinamento di diametro inferiore a 10 micrometri che possono irritare gli occhi e il naso e raggiungere i polmoni.

Anche le particelle più piccole denominate PM2.5 possono viaggiare più in profondità nei polmoni e potenzialmente entrare nel flusso sanguigno. I livelli di PM2,5 sono stati “pericolosi” a Pechino per alcune delle ultime 48 ore , secondo l’indice di qualità dell’aria, che monitora la qualità dell’aria in tempo reale nelle principali città del mondo.

Pechino è regolarmente colpita da tempeste di sabbia in primavera con lo smog aggravato dall’aumento dell’attività industriale e dalla rapida deforestazione in tutta la Cina settentrionale.

L’ultima tempesta di sabbia è la quarta che ha colpito il Paese dal 10 marzo e l’ottava dall’inizio dell’anno, hanno riferito i media statali.

La tempesta di sabbia più violenta finora quest’anno si è verificata il 22 marzo , quando le particelle PM10 hanno colpito 1.667 microgrammi per metro cubo, secondo il Centro di monitoraggio ecologico e ambientale municipale di Pechino.

Questa volta, le aree colpite si estendevano a sud fino a Shanghai fino a parti dell’Heilongjiang, la provincia più settentrionale del paese, secondo l’Osservatorio meteorologico centrale cinese.

Altre aree colpite includevano Xinjiang, Mongolia Interna, Gansu, Ningxia, Shanxi, Hebei, Tianjin, Shandong, Henan, Jiangsu, Anhui e Hubei, secondo l’osservatorio nazionale.

L’Amministrazione nazionale e delle praterie cinese ha affermato che sabbia e polvere dalla parte meridionale della Mongolia e dalla parte occidentale della Mongolia interna sono state trasportate a sud-est dalle correnti d’aria, innescando l’attuale tempesta.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie