Bielorussia. Arrestato a Minsk il padre della bambina che aveva fatto un disegno contro la guerra in Ucraina

AgenPress – Alexei Moskalev condannato a due anni di carcere in Russia dopo che sua figlia ha disegnato un’immagine “contro la guerra” è stato catturato in Bielorussia, dopo essere apparentemente fuggito dal paese.

Un avvocato ha detto che probabilmente è stato catturato a Minsk dopo aver acceso il cellulare, che ha rivelato la sua posizione.

L’avvocato Dmitry Zakhvatov ha affermato che “qualcuno ha commesso un errore” nel rivelare la sua posizione.

“Molto probabilmente era dovuto all’uso improprio di un telefono cellulare”.

Quella versione dei fatti è stata sostenuta dalla giornalista Marina Ovsyannikova, nota per le sue proteste contro la guerra.

“È stato avvertito in anticipo di spegnere il cellulare ed estrarre la carta SIM prima di scappare. Ma a Minsk, Alexei ha deciso di accenderlo per qualche motivo”, ha scritto, ma poi ha cancellato il post.

Nel 2022, anche Ovsyannikova è sfuggita agli arresti domiciliari, ma è riuscita a lasciare la Russia sana e salva.

Le autorità bielorusse hanno confermato che Moskalev era stato arrestato su richiesta della Russia.

Non è chiaro come sia arrivato in Bielorussia, ma le persone che cercano di lasciare la Russia senza essere notate dalle autorità spesso passano attraverso il territorio bielorusso.

Moskalev viveva a circa 320 chilometri (200 miglia) a sud di Mosca, in una città chiamata Yefremov.

I suoi problemi sono iniziati dopo che Masha Moskalev, allora dodicenne, ha disegnato una bandiera ucraina nell’aprile dello scorso anno con le parole “Gloria all’Ucraina”, razzi e una bandiera russa con la frase “No alla guerra!”

Ha detto che la scuola ha denunciato il disegno di sua figlia alla polizia. Successivamente, il signor Moskalev è stato multato per un post sui social media contro la guerra.

Ma dopo che il suo appartamento è stato perquisito a dicembre, è stato accusato ai sensi del codice penale perché era già stato condannato per un reato simile.

Le autorità hanno separato Masha da suo padre e l’hanno collocata in un orfanotrofio, dopo l’inizio del caso. Non è stata vista in pubblico dal 1 marzo.

Martedì, quando Moskalev è stato condannato a due anni di carcere, l’addetto stampa del tribunale ha detto che era sfuggito agli arresti domiciliari.

Si era dichiarato non colpevole delle accuse, ma a quanto pare è fuggito dalla Russia in previsione di un verdetto di colpevolezza.

Commentando la sentenza il consigliere comunale Olga Podolskaya si è detta “sotto shock”.

“Una pena detentiva per aver espresso la tua opinione è una cosa terribile. Una pena detentiva di due anni è un incubo”.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie