“Le 10 cose da sapere su acqua e cambiamento climatico”

AgenPress. l’UNICEF Italia in occasione della Conferenza ONU sull’Acqua lancia “Le 10 cose da sapere su acqua e cambiamento climatico” e ricorda che quando i bambini non hanno accesso all’acqua pulita la loro salute, alimentazione, istruzione e ogni altro aspetto della loro vita sono a rischio.

  1. Ogni giorno, più di 1.000 bambini sotto i 5 anni muoiono per malattie legate ad acqua non sicura e servizi igienici inadeguati; 
  2. Entro il 2040, quasi 1 bambino su 4 vivrà in aree con stress idrico estremamente elevato;
  3. Circa il 74% dei disastri naturali tra il 2001 e il 2018 sono stati legati all’acqua, comprese siccità e inondazioni. Si prevede che la frequenza e l’intensità di tali eventi aumenteranno a causa del cambiamento climatico;
  4. Circa 450 milioni di bambini vivono in aree ad alta o altissima vulnerabilità idrica. Ciò significa che non hanno abbastanza acqua per soddisfare i loro bisogni quotidiani;
  5. Quando i disastri colpiscono, possono distruggere o contaminare intere riserve idriche, aumentando il rischio di malattie come il colera e il tifo a cui i bambini sono particolarmente vulnerabili;
  6. Eventi meteorologici estremi e cambiamenti nei modelli del ciclo dell’acqua stanno rendendo più difficile l’accesso all’acqua potabile, soprattutto per i bambini più vulnerabili;
  7. L’aumento delle temperature può portare a patogeni mortali nelle fonti di acqua dolce, rendendo l’acqua pericolosa da bere per le persone; 
  8. L’acqua contaminata rappresenta un’enorme minaccia per la vita dei bambini. Le malattie legate all’acqua e ai servizi igienico-sanitari sono una delle principali cause di morte nei bambini sotto i 5 anni; 
  9. Il cambiamento climatico aggrava lo stress idrico – aree con risorse idriche estremamente limitate – portando a una maggiore concorrenza per l’acqua, persino a conflitti;
  10. L’innalzamento del livello del mare sta facendo diventare salata l’acqua dolce, compromettendo le risorse idriche su cui fanno affidamento milioni di persone.

    L’UNICEF Italia ha lanciato la campagna “Cambiamo Aria: la crisi climatica è una crisi dei diritti delle bambine e dei bambini” con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul fatto che la “crisi climatica è una crisi dei diritti dei bambini e degli adolescenti” e per sostenere la partecipazione di giovani e adolescenti sui temi del cambiamento climatico e sostenibilità.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie