Arabia Saudita. Liberato un cittadino Usa condannato a 19 anni per tweet critici nei confronti del governo

AgenPress – L’Arabia Saudita ha rilasciato un detenuto statunitense a più di un anno dalla sua condanna per tweet critici nei confronti del governo.

Saad Ibrahim Almadi, 72 anni, che ha anche la cittadinanza saudita, è stato arrestato nel novembre 2021 quando è arrivato a Riyadh per visitare la sua famiglia.

È stato condannato a ottobre a 16 anni di carcere. Una corte d’appello ha aumentato il termine a 19 anni il mese scorso.

Né le autorità statunitensi né quelle saudite hanno commentato il rilascio di Almadi.

Suo figlio, Ibrahim, ha confermato che suo padre era in una residenza di famiglia a Riyadh, ma ha detto che non è chiaro quando potrebbe tornare a casa sua in Florida.

“Tutte le accuse sono state ritirate, ma ora dobbiamo combattere il divieto di viaggio”.

Almadi è stato dichiarato colpevole da un tribunale di aver tentato di destabilizzare il regno e di aver sostenuto e finanziato il terrorismo. Gli è stato anche rilasciato un divieto di viaggio di 16 anni.

Parlando pubblicamente del caso per la prima volta dopo il verdetto, Ibrahim ha detto che l’unica prova finalmente presentata alla corte contro suo padre consisteva in 14 tweet .

I tweet  includevano critiche alla demolizione di vecchie parti delle città di La Mecca e Jeddah, preoccupazione per la povertà nel regno e un riferimento al giornalista saudita assassinato Jamal Khashoggi.

Almadi è stato anche dichiarato colpevole di non aver denunciato il terrorismo sui tweet che Ibrahim aveva pubblicato su un account separato, secondo suo figlio.

Joe Biden ha affermato di aver sollevato il caso di Almadi e di altri cittadini statunitensi che sono rimasti soggetti a divieto di viaggio in Arabia Saudita, durante gli incontri con il re Salman e il principe ereditario Mohammed bin Salman durante la sua visita lo scorso luglio.

Abdullah Alaoudh, direttore saudita della Freedom Initiative, ha affermato che Almadi è stato arrestato ingiustamente ed è stato rilasciato solo a seguito dell’instancabile campagna elettorale di suo figlio e della pressione internazionale.

“Ci sono troppe persone in detenzione saudita che non hanno il beneficio della cittadinanza statunitense per attirare l’attenzione sui loro casi”.

“Il rilascio di Almadi dimostra che la pressione strategica funziona e i funzionari statunitensi dovrebbero continuare a fare pressioni per il rilascio dei prigionieri e la revoca dei divieti di viaggio”.

Lo scorso agosto, gli attivisti hanno affermato che Nourah al-Qatani, madre di cinque figli, è stata condannata a 45 anni di carcere con l’accusa di “usare Internet per lacerare il tessuto sociale del Paese” a causa di tweet anonimi che criticavano il governo.

Salma al-Shehab, madre di due figli che studia alla Leeds University nel Regno Unito, è stata nel frattempo condannata a 34 anni da una corte d’appello che ha confermato le condanne per “aver prestato soccorso a coloro che cercavano di turbare l’ordine pubblico” e aver pubblicato “false voci” su Twitter .

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie