Sopravvissuta Mariupol. La visita di Putin è come un serial killer che torna sulla scena del crimine

AgenPress – Una donna sopravvissuta al bombardamento dello scorso anno di un teatro affollato a Mariupol ha paragonato la visita notturna di Putin nella città occupata dai russi a “quando un serial killer torna sul luogo del crimine”.

Ivan Watson giornalista della CNN aveva precedentemente parlato con Maria Kutnyakova nel marzo dello scorso anno, dopo che era riuscita a fuggire da Mariupol nel territorio controllato dall’Ucraina con la sua famiglia.

Parlando di nuovo con Watson per telefono domenica, Kutnyakova ha detto che Putin ha visitato Mariupol di notte “perché non volevano girare il vero filmato della città distrutta”.

Non volevano dimostrare che Mariupol è ancora una catastrofe. Ci sono molti edifici distrutti. Che le persone vivono in una brutta situazione”, ha detto Kutnyakova, che ora lavora online per una ONG ucraina dalla sicurezza di Vilnius, in Lituania.

La propaganda russa ha mostrato l’immagine di alcuni edifici che hanno costruito. Vogliono far credere alla gente che a Mariupol adesso c’è un posto molto bello e bello. Ma non lo è”, ha detto Kutnyakova.

Ha detto alla CNN che i prezzi a Mariupol sono “pazzi”, che le persone in città non hanno medicine o riscaldamento e che persistono problemi con le comunicazioni, l’elettricità, l’acqua e il gas.

Kutnyakova ha detto che tutti i suoi 15 parenti e diversi amici intimi che vivevano a Mariupol hanno lasciato la città. Ha detto che la sua famiglia non è stata in grado di localizzare suo zio dalla scorsa primavera e temono che possa essere morto.

300 persone circa sono morte quando le forze russe hanno bombardato il teatro drammatico regionale accademico di Donetsk a Mariupol, che secondo i leader della città fungeva da rifugio per i residenti.

Il bombardamento del 16 marzo 2022 è stato tra i più sfacciati degli attacchi della Russia contro i civili nella sua offensiva iniziale.

Prima dell’attacco, la parola “BAMBINI” era stata dipinta sul terreno all’esterno dell’edificio in gigantesche lettere russe. Ben 1.300 persone si stavano rifugiando all’interno.

La Russia ha negato che le sue forze abbiano colpito il teatro, sostenendo che un reggimento dell’esercito ucraino l’aveva fatto saltare in aria. Mosca ha fatto affermazioni simili – senza fornire prove – sul bombardamento di un ospedale di maternità a Mariupol avvenuto circa una settimana prima.

La città sud-orientale è sotto il controllo russo dal maggio 2022.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie