Leader sudcoreano in Giappone per la prima visita dopo 12 anni. Ripresa relazioni e cancellazione restrizione export chip

AgenPress – Il presidente sudcoreano Yoon Suk Yeol ha incontrato il suo omologo giapponese a Tokyo per la prima visita del genere in 12 anni mentre  cercano di affrontare le minacce della Corea del Nord alle crescenti preoccupazioni sulla Cina.

Il Giappone e la Corea del Sud hanno concordato di riprendere le visite regolari tra i loro leader e hanno adottato misure per risolvere una controversia commerciale all’inizio di un vertice molto atteso giovedì, segno che i due paesi stanno ricostruendo la sicurezza e i legami economici delle loro nazioni mentre cercare di superare un secolo di storia difficile.

Il vertice potrebbe rivedere la mappa strategica del nord-est asiatico. I due alleati degli Stati Uniti, che sono stati a lungo spesso in disaccordo sulla loro storia, stanno cercando di formare un fronte unito, spinti dalle preoccupazioni condivise su una Corea del Nord irrequieta e una Cina più potente.

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida e il presidente sudcoreano Yoon Suk Yeol hanno entrambi sottolineato l’importanza di migliorare i rapporti aprendo il vertice di giovedì, poche ore dopo il lancio di un missile nordcoreano e gli incontri tra navi giapponesi e cinesi in acque contese.

“Sono lieto che sia arrivata per noi l’opportunità di aprire insieme un nuovo capitolo delle relazioni Giappone-Corea del Sud”, ha detto Kishida nella sua osservazione di apertura. Ha aggiunto che il loro incontro segnerà la ripresa delle visite regolari tra i leader, sospese da più di un decennio.

Yoon ha affermato che l’incontro  “ha un significato speciale in quanto mostra alla gente di entrambi i paesi che le relazioni Corea del Sud-Giappone sono avviate a un nuovo inizio dopo essere state afflitte da vari problemi”. Ha aggiunto che i due paesi che condividono gli stessi valori democratici “sono partner che devono cooperare su sicurezza, questioni economiche e agende globali”.

Yoon ha affermato che “la minaccia sempre crescente del programma missilistico nucleare della Corea del Nord rappresenta un’enorme minaccia per la pace e la stabilità non solo nell’Asia orientale ma anche per la (più ampia) comunità internazionale”. “La Corea del Sud e il Giappone devono lavorare a stretto contatto e in solidarietà per contrastare saggiamente la minaccia”, ha aggiunto.

Scambio di concessioni tra il Giappone e la Corea del Sud.  Il Paese del Sol Levante cancellerà le restrizioni sulle esportazioni di apparecchiature per la produzione di microchip, mentre Seul ha confermato che ritirerà la denuncia all’Organizzazione mondiale del commercio contro i limiti all’export giapponese. Le sanzioni di Tokyo furono decise nel settembre 2019 dall’esecutivo di Shinzo Abe, e riguardavano nuovi limiti alle esportazioni di alcune componenti chimiche indispensabili alla fabbricazione di microprocessori per memorie, ritenute essenziali all’industria tecnologica sudcoreana.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie