Naufragio migranti. Meloni, la nostra coscienza è a posto. Contrastare immigrazione illegale coinvolgendo Ue

AgenPress –  “Finché ci saranno partenze su barche in pessime condizioni e con pessime condizioni meteo ci saranno perdite di vite. Bisogna investire sulle rotte legali, ed è esattamente il lavoro che sta facendo il governo. La nostra coscienza è a posto, spero che chi attacca il governo ma non dice una parola sugli scafisti possa dire lo stesso”.

Lo ha detto la premier Giorgia Meloni alla Camera rispondendo all’interrogazione di Riccardo Magi, segretario di +Europa sl naufragio di un’imbarcazione carica di migranti al largo delle coste libiche.

Contrastare immigrazione illegale coinvolgendo Ue, con sostegno a stati Nord Africa, Tunisia in testa, da Italia impulso. Contrastare con fermezza l’immigrazione illegale e il traffico degli esseri umani. Tutelare chi ha diritto alla protezione internazionale e gestire in modo ordinato l’immigrazione legale attraverso i decreti flussi. Il tutto in un quadro di responsabilità che deve coinvolgere anche gli altri stati europei”, ha detto  Giorgia Meloni in Aula  rispondendo all’interrogazione di Pino Bicchielli.

Il deputato del gruppo Noi Moderati ha chiesto alla premier quali siano le iniziative del governo per contrastare l’attività criminale dedita al traffico di migranti. “Per la prima volta – ha aggiunto la presidente Meloni – la rotta del mediterraneo centrale è considerata questione prioritaria di interesse europeo, ed è stato grazie all’impulso di questo governo, ma non intendiamo accontentarci dei proclami. Chiederemo risposte immediate di sostegno in favore degli stati del nord Africa, Tunisia in testa. Noi vogliamo essere di impulso a tutta l’Europa per un nuovo rapporto con l’Africa : è questo quello che ho chiamato piano Mattei. Una strategia di cooperazione per garantire alle popolazioni africane il fondamentale diritto a non essere costrette a migrare”.

 

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie