Oscar. Navalny miglior documentario. Moglie, ha difeso la democrazia. Cremlino, è politicizzato

AgenPress –  L’Oscar 2023 per il miglior documentario è stato vinto da Navalny diretto da Daniel Roher, Odessa Rae, Diane Becker, Melanie Miller e Shane Boris.

“Famiglia Navalny grazie per il vostro coraggio, il mondo è con voi”, ha detto uno dei registi ritirando il premio ricordando le parole del leader dell’opposizione sulla guerra ingiusta di Putin contro l’Ucraina. “Dedico a te il mio premio, il mondo non si è dimenticato del tuo messaggio, non avere paura”, ha detto. E poi ha passato il microfono ad una emozionata Yulia Navalnaya la moglie di Alexey Navalny e punto di riferimento dell’opposizione russa. “Mio marito è in prigione solo perché ha voluto difendere la democrazia. Sogno il giorno in cui sarai libero e sarà libero il nostro paese. Stai forte, ti amo”, ha detto emozionando la platea del Dolby Theatre.

Immediata la reazione del portavoce del Cremlino Dmitry Peskov che ha affermato che c’era “un elemento di politicizzazione” in Navalny.

“Anche se non l’ho visto, oso presumere che qui ci sia un certo elemento di politicizzazione dell’argomento. Anche Hollywood a volte non evita il tema della politicizzazione nel suo lavoro.

Il film esplora il complotto per uccidere il leader dell’opposizione russa ed ex candidato alla presidenza, Alexei Navalny, e ha vinto l’Oscar per il miglior documentario agli Academy Awards di domenica.

Diretto da Daniel Roher e presentato da CNN Films e HBO Max, Navalny racconta la sua ascesa politica, il tentato omicidio e la ricerca per scoprire la verità.

Critico schietto del Cremlino, Alexei Nalvany sta attualmente scontando una pena di nove anni in una prigione di massima sicurezza a est di Mosca.

Advertising

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie