Ucraina. I russi hanno subito “perdite significative” a Bakhmut. Ieri uccisi ieri 1.060 soldati

AgenPress – Le forze russe hanno subito “perdite significative” dopo aver lanciato dozzine di attacchi intorno alla città orientale di Bakhmut nelle ultime 24 ore, ha detto martedì l’esercito ucraino.

“Nell’ultimo giorno, i soldati ucraini hanno respinto più di 140 attacchi nemici”, lungo le linee del fronte in tutta l’Ucraina orientale, ha detto lo stato maggiore nel suo aggiornamento quotidiano.

Molti di questi attacchi sono avvenuti a nord di Bakhmut, dove le forze russe stanno cercando di impedire agli ucraini di accedere alla città. “Nelle ultime 24 ore, il nemico ha effettuato 37 attacchi vicino al villaggio di Dubovo-Vasylivka”, ha detto, riferendosi a un insediamento che si trova appena a nord-ovest di Bakhmut.

Le forze armate ucraine hanno ucciso ieri 1.060 soldati russi, un bilancio che porta il totale delle forze di Mosca eliminate nel Paese dall’inizio dell’invasione a quota 154.830: lo ha reso noto lo Stato Maggiore dell’esercito di Kiev nel suo aggiornamento quotidiano della situazione al fronte, come riporta Ukrinform.

L’esercito non specifica quanti uomini russi abbiano perso la vita ieri nella città assediata di Bakhmut, ma nei giorni scorsi il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov aveva detto che le perdite russe ammontano fino a 500 soldati al giorno nella battaglia per la conquista della città strategica nell’est del Paese.

Il rapporto dello Stato Maggiore indica inoltre che dall’inizio della guerra la Russia ha perso 303 caccia, 289 elicotteri e 2.095 droni. Le forze di Kiev affermano di aver distrutto anche 3.432 carri armati russi, 2.456 sistemi di artiglieria, 488 sistemi di razzi a lancio multiplo, 253 sistemi di difesa aerea, 873 missili da crociera e 18 navi.

Potrebbe Interessarti

Ultime Notizie